Joss Whedon difende il finale di Angel e spiega perché lo spinoff di Buffy é stato cancellato

Dopo l'ambiguo finale di Angel, la serie spinoff di Buffy è stata cancellata: a 15 anni di distanza, Joss Whedon rompe il silenzio e spiega i motivi

33
CONDIVISIONI

L’ambiguo finale di Angel, lasciato a libera interpretazione, è ancora oggi uno degli episodi più belli ma controversi del piccolo schermo. La serie con il vampiro e il suo gruppo di alleati che si preparano alla loro ultima battaglia: lottare contro i demoni che dalle viscere della Terra sono arrivati a Los Angeles. Le possibilità di sopravvivenza sono molto basse, ma nonostante tutto Angel, Gunn, Spike e Fred/Illyria non perdono le speranze. Le ultime parole sono cult ancora oggi: “Personalmente vorrei uccidere quel drago. Andiamo al lavoro.”

La scena sfuma in nero, lasciando i fan per anni a chiedersi cosa sarebbe successo ai loro eroi. Ma secondo l’ideatore della serie, Joss Whedon, il finale di Angel non costituisce affatto un cliffhanger:

“Capisco che il pubblico vorrebbe una chiusura, ma per me sarebbe come aggiungere una nota alla fine. Quello che ho sempre voluto dire è questo: devi cercare di diventare degno della vita che ti è concessa, quello è il lavoro di una vita. È una lotta continua.”

Nella mente di Whedon, il significato della scena finale sta che nella vita, nonostante le continue difficoltà, si deve sempre trovare la forza di continuare a combattere. Tutti i protagonisti, infatti, pur feriti e stanchi, si rialzano per quella che potrebbe essere la loro ultima battaglia. Un lavoro infinito, finché sarebbero rimasti in vita.

Ma perché Angel è stato cancellato? Nella quinta stagione gli ascolti erano in aumento rispetto l’anno precedente, ma i vertici della Warner. Bros. chiesero a Whedon di prendere una decisione entro febbraio 2004. E si optò contro il rinnovo. L’allora produttore David Fury dichiarò che se avessero atteso maggio, sicuramente Angel avrebbe potuto salvarsi: “Abbiamo fatto un errore. Non abbiamo atteso maggio, prendendo una decisione anticipata secondo la loro richiesta.”

Joss Whedon ribadisce comunque l’impatto culturale dello show e il suo significato:

“Mi auguro sempre che il pubblico senta la difficoltà e la possibilità di redenzione all’interno dello show, dove il prezzo da pagare è sempre alto. Fai il tuo lavoro, ne varrà sempre la pena. C’è una tale forza in questi personaggi; combattono, e in qualche modo trovano sempre il modo per redimersi.”

In occasione del ventennale dello show cult, il cast è apparso sulle copertine di Entertainment Weekly, una reunion che si concretizzerà il prossimo ottobre al Comic-Con di New York.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.