Video, testo e traduzione di Frankenstein degli Editors, la band esplora il grottesco

La band di Tom Smith lancia un inedito a sorpresa

5
CONDIVISIONI

Se non fosse per la voce di Tom SmithFrankenstein degli Editors potrebbe essere un delirio industrial partorito da quegli artisti che dirigono orchestre di trapani e beat elettronici, tirati su a pane e John Cage e che concepiscono l’avvento della composizione digitale come una nuova frontiera creativa.

Il brano arriva con grande sorpresa, se consideriamo che solamente il 4 maggio gli Editors avevano pubblicato The Blanck Mass Session, una versione scheletrizzata di Violence (2018) con la quale la band di Stafford aveva sottinteso che il 2019 era già al completo in termini di lavori in studio.

Frankenstein, invece, arriva per caso e viene accolto con entusiasmo dai fan. Questa mattina, inoltre, sul canale YouTube della band è comparso il video ufficiale, diretto da Gregory Ohrel. Su un beat elettronico con dinamiche quasi dance si muove un sintetizzatore disturbante, e la voce di Smith si distorce in più punti. Se Ian Curtis fosse stato ancora vivo – sì, quando si parla degli Editors non si può non parlare dei Joy Division – avrebbe apprezzato, perché il brano è inquieto quanto basta ma anche crepuscolare nella misura giusta.

Nel video vediamo la storia di un uomo con manie di grandezza, un poliziotto che si diverte a picchiare col manganello un fermato ma che si sente talmente solo da decidere di resuscitare il cadavere di una donna. Quest’ultima, Baionse – è forse un riferimento a Beyoncé? – torna in vita grazie al trattamento che l’uomo, una trasposizione contemporanea della storia di Frankenkstein, le riserva. I due balleranno ovunque e lei sarà alle sue dipendenze, finché riscoprirà la sua identità e l’uomo deciderà di disfarsene.

Dopo la partecipazione a Firenze Rocks, la band di All Sparks tornerà in Italia a luglio per Home Venice 2019, e per il momento non è dato sapere se Frankenstein degli Editors sia l’anticipazione di un nuovo album in studio.

TESTO

Come on teetar, why don’t we stop? – Just wasting time
Wherever we go the lights stay low, I’m Frankenstein

I know what you’ll say: you mean the creation, not the creator
The nights where we play, old man Hemingway, mojito and chaser

Down where the streets get narrow
And the freaks get high on sorrow
Won’t you dance like a monster with me?
Like a flare, like a gun, like a boss this goes off

This goes off, this goes off
It goes off, it goes off

What do you got, ‘cause you speak a lot like a nursery rhyme
Shadows and doubt from north to south, but I’m Frankenstein

Oh where to begin, just don’t make me sin with all those pretenders
I’m late for a thing and bored of your jingoistic agendas

Down where the streets get narrow
And the freaks get high on sorrow
Won’t you dance like a monster with me?
Like a flare, like a gun, like a boss this goes off

This goes off, this goes off
It goes off, this goes off
This goes off

Down on the streets
Down with the freaks
Won’t you dance like a monster with me?
Like a boss this goes… off

It goes off, it goes off
It goes off

It goes off
This goes off
Oh, it goes off
It goes off
Oh, it goes off
It goes off
Oh, it goes off

TRADUZIONE

Avanti, teetar, perché non ci fermiamo? – Stiamo sprecando tempo.
Ovunque andiamo troviamo luci soffuse, sono Frankenstein.

So cosa dirai: intendi la creazione, non il creatore.
Le notti saranno nostre, vecchio Hemingway, mojito e chaser.

Giù, dove si restringono le strade
e i freak si ubriacano di malinconia,
ballerai come un mostro con me?
Come un petardo, come una pistola, come un capo, si spegne.

Questo si spegne, questo si spegne,
si spegne, si spegne.

Che ti succede? Parli come una filastrocca.
Ombre e dubbi da nord a sud, ma io sono Frankenstein.

Dove cominciamo? Non farmi peccare con questi pretendenti.
Sono in ritardo per una cosa e annoiato dalla tua agenda jingoistica.

Giù, dove si restringono le strade
e i freak si ubriacano di malinconia,
ballerai come un mostro con me?
Come un petardo, come una pistola, come un capo, si spegne.

Questo si spegne, questo si spegne,
si spegne, questo si spegne.
Questo si spegne.

Giù per le strade,
con i freak
ballerai come un mostro con me?
Come un capo, questo si spegne.

Si spegne, si spegne,
si spegne.

Si spegne,
questo si spegne,
oh, si spegne,
si spegne.
Oh, si spegne,
si spegne.
Oh, si spegne.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.