Dustin morirà in Stranger Things 3? La rivelazione di Gaten Matarazzo in tv sconvolge tutti

Spoiler oppure no? Il rischio che Dustin morirà in Stranger Things 3 manda il pubblico in tilt

28
CONDIVISIONI

Dustin morirà in Stranger Things 3? Non lo sappiamo ancora, il fatto è che si fanno sempre più ingombranti le voci che parlano di una morte eccellente in questo nuovo capitolo della serie Netflix e tutto sembra essere un indizio. Se nei giorni scorsi si è parlato molto di una possibile uscita di scena dell’amato sceriffo Hopper (con tanto di spin off a lui dedicato), in queste ore l’attenzione si è spostata su Dustin. Il giovane protagonista è già stato al centro del poster promozionale e del nuovo promo della serie che sarà disponibile su Netflix dal prossimo 4 luglio, ma quello che è successo durante la serata degli MTV Movie e Tv Awards ha qualcosa di incredibile.

Alcuni l’hanno presa come una semplice battuta, altri si sono un po’ paralizzati davanti a quella che sembra essere una vera e propria rivelazione, il fatto è che è stato proprio Gaten Matarazzo a farla e questo è tutto dire. Ma cosa è successo di preciso?

Finn Wolfhard, Noah Schnapp e Gaten Matarazzo sono saliti sul palco degli MTV Awards ed è stato a quel punto che si sono lanciati una serie di battutine relativi agli spoiler e alla categoria che stavano per annunciare. Proprio in quel momento l’interprete di Dustin Henderson, prima che i suoi colleghi chiarissero cosa stava succedendo, ha rilanciato: “Bene, ora non ho bisogno di dire loro che Dustin muore”.

Ecco il video del momento:

Nelle ore successive alla messa in onda degli MTV Awards, i fan hanno iniziato a ipotizzare se questo “spoiler” di Dustin potesse essere vero oppure no ma al momento non ci sono altri indizi che lo lasciano pensare. In molti sono convinti che sia proprio lui il protagonista di questa nuova stagione e non sempre questo va a braccetto con un’uscita di scena, o forse sì?

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.