Ritorna l’allarme sul calabrone killer, l’insetto gigante e nero in Italia: alcuni dettagli

Fondamentale chiarire oggi 17 giugno la storia di un insetto che da sempre crea panico qui in Italia

65
CONDIVISIONI

Si sta facendo strada in Italia la notizia riguardante il cosiddetto “calabrone killer“, un insetto nero e gigante che nel corso degli anni è stato rinominato in tantissimi modi e che di tanto in tanto getta nello sconforto tante persone. Considerando la delicatezza dell’argomento, diventa molto importante raccogliere alcune informazioni e precisazioni sull’argomento, in relazione a quanto riportato da una fonte come bufale.net poche settimane fa. Un articolo, infatti, ha concentrato tutta l’attenzione su alcune segnalazioni giunte dal nostro Paese.

C’è qualcosa di vero dietro la storia del calabrone killer, o si tratta dell’ennesima bufala creata per alimentare inutili allarmismo? In realtà, dalle ultime informazioni raccolte sembra essere al cospetto di una fake news. Contrariamente a quanto avviene di solito in questi casi, però, la notizia pare abbia preso piede non con lo scopo volontario di accentuare disinformazione. Le segnalazioni sull’insetto ci sono state, soprattutto in alcune regioni del nord Italia come il Piemonte e la Liguria.

Tuttavia, non si tratta del calabrone killer che potenzialmente può uccidere l’uomo. Siamo al cospetto di una specie più piccola, che non dovrebbe superare i 5 centimetri di lunghezza e che soprattutto non risulta in grado di arrecare grossi danni alle persone. Insomma, tanto rumore per nulla, anche perché oggi 17 giugno non si registra ancora la presa di posizione da parte di fonti ufficiali in grado di confermare una notizia del genere.

Insomma, non una di quelle bufale pensate per fare rumore, un po’ come avvenuto con l’allarme riguardante la carne di cane in Svezia diffuso da un troll, secondo quanto vi ho riportato pochi giorni fa. Al contempo, però, occorre una smentita sul calabrone killer in Italia, considerando il rumore che si è fatto in passato per l’insetto nero e “gigante”, secondo la letteratura di questo settore.

Per restare sempre aggiornato, aggiungi ai tuoi contatti su smartphone il numero 3770203990 e invia un messaggio WhatsApp con testo “NEWS”. Il servizio è completamente gratuito! In qualsiasi momento sarà possibile disdirlo inviando un messaggio con testo “STOP NEWS” allo stesso numero.

Commenti (14):

Uno

Quello che spesso viene erroneamente scambiato per un calabrone é l’ape legnaiola (xilocoptera) ma benché sia di grandi dimensioni non è affatto aggressiva e la puntura é paragonabile a quella di un’ape

DC

Premettendo che l’insetto in foto non è un calabrone di alcun tipo ma un’ape; in Italia è presente solo la Vespa crabro e la Vespa velutina, nessuna delle due mortale (almeno che non si è allergici alle vespe e simili in generale). Non è mortale nemmeno quella tanto temuta e non presente in Italia. Pungono ovviamente solo se disturbate, come le comuni vespe più piccole, le api e la maggior parte degli altri insetti. Queste bufale portano solo alla disinformazione e al vedere cose che non esistono; d’estate l’utente medio inizia ad uccidere qualunque cosa voli perché “ho letto che è pericolosa”, magari uccidendo una comune ape anche grazie ad articoli come questo. Ovviamente non andrebbero uccise in ogni caso visto che non sono pericolose e sono importanti per l’impollinazione a prescindere dalla specie.

Lisa

Una puntura di calabrone può uccidere perché punge a ripetizione e le conseguenze li hanno chi non è allergico…..non ammetto che si dica che una puntura di questo tipo di insetto non provochi conseguenze…….
Poi l informazionesu questi tipi di imenotteri sono pochissime grazie a chi ci dovrebbe tenere informati

GiantHornet

La vespa velutina non è il calabrone gigante asiatico o più specificatamente vespa mandarinia. La vespa velutina ha le stesse dimensioni del nostro calabrone (2-3 cm) con il corpo più scuro e di indole più selvaggia. Il pericolo di essere punti dalla vespa velutina è lo stesso di essere punti dalla vespa cabro (il nostro calabrone) il problema è che con ripetute punture può causare shock anafilattici nelle persone allergiche

Beatrice

Confermo che ho visto una Vespa velutina (che se non ho capito male é il calabrone gigante asiatico) a Grezzana (mi è entrata in casa, non vi dico che spavento) eppure al Cerro Veronese, abbiamo trovato anche un inizio di nido all’interno degli scuri della camera!!

Ciao

Poi stiamo calmi a confondere la Vespa mandarinia con la velutina che la prima è mortale sul serio anche se sono entrambe pericolose. Tutti gli imenotteri e gli aculeati in particolare vanno trattati con rispetto e cautela

Unknown

Poi stiamo calmi a confondere la Vespa mandarinia con la velutina che la prima è mortale sul serio anche se sono entrambe pericolose. Tutti gli imenotteri e gli aculeati in particolare vanno trattati con rispetto e cautela

Unknown

Se si sta parlando della Vespa vulutina non è una novità è già presente in Italia dal 2012 a causa di traffici dalla Cina e comunque è rigorosamente tenuta sotto controllo da entomologi e studiosi del settore,ci sono numerosi studi per tenere a bada questo predatore e pericoloso insetto, poi se l’insetto si stia espandendo è un altro conto, la forza della natura è inarrestabile.

Unknown

Se si sta parlando della Vespa vulutina non è una novità è già presente in Italia dal 2012 a causa di traffici dalla Cina e comunque è rigorosamente tenuta sotto controllo da entomologi e studiosi del settore,ci sono numerosi studi per tenere a bada questo predatore e pericoloso insetto, poi se l’insetto si stia espandendo è un’altro conto, la forza della natura è inarrestabile.

GiantHornet

Quella nella foto è un’ape, il calabrone poi non ha il corpo nero. Stesso discorso di allarmismo dove si scambia la vespa velutina con la vespa mandarinia… Un po’di informazioni prima di scrivere gli articoli e creare allarmismo farebbe bene.

Amico delle api.

Il “calabrone killer” riportato nella foto a supporto dell’articolo, è invece l’ape mellifera ligustica, per la quale tanto ci si batte per la sua tutela in quanto prezioso impollinatore.
Sarebbe opportuno da parte vostra veicolare corrette informazioni, anche attraverso le immagini.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.