Foto e trama de Il Commissario Ricciardi, Lino Guanciale dopo La Porta Rossa è ancora un poliziotto tra vivi e morti

Dopo La Porta Rossa, Lino Guanciale è di nuovo un poliziotto che indaga tra vivi e morti: ecco la trama della fiction Il Commissario Ricciardi.

70
CONDIVISIONI

È già una delle produzioni Rai più attese della prossima stagione televisiva, e da foto e trama de Il Commissario Ricciardi se ne intuisce il motivo. Protagonista è Lino Guanciale nei panni del personaggio creato da Maurizio de Giovanni (l’autore de I Bastardi di Pizzofalcone), un commissario della Mobile di Napoli dotato di una grande capacità: è l’unico in grado di vedere i fantasmi delle persone morte in modo violento.

Le riprese della fiction Rai sono iniziate a Taranto, e le prime foto dal set mostrano l’attore, reduce dal successo de La Porta Rossa 2 e L’Allieva 2, nei panni di Luigi Alfredo Ricciardi. La storia è ambientata negli anni Trenta, più precisamente nel 1932, in una Napoli in pieno periodo fascista. Dire che la trama de Il Commissario Ricciardi ruoti intorno alle sue indagini sarebbe riduttivo. Il protagonista interpretato da Guanciale è ossessionato dal catturare gli assassini, ma in realtà cova dentro di sé una sorta di maledizione ereditata dalla madre. Sui luoghi dei crimini, il Commissario è in grado di vedere il fantasma delle persone morte in maniera efferata.

Ricciardi è un uomo tormentato, che dedica tutta la sua vita a risolvere i casi più spinosi e complicati. Lo fa per sua madre, la quale prima di morire l’ha avvertito del suo ‘dono’ speciale. Gli manca la maggior parte degli strumenti usati oggi per risolvere i delitti, ma fa affidamento su incredibili doti intuitive, un’ossessiva tenacia e inoltre è guidato dalle ultime parole delle vittime; sono loro che sembrano sollecitarlo a cercare giustizia.

Antieroe, Ricciardi è circondato da un’aura di mistero, che allontana i suoi colleghi e ogni possibile relazione amorosa. Uniche eccezioni, il brigadiere Maione e il medico legale Modo, suoi stretti collaboratori di cui si fida e con cui ha un rapporto di amicizia. È un uomo solo, fatta eccezione per l’anziana tata Rosa. L’incontro con due donne, diverse ma ugualmente affascinanti, potrebbe significare una svolta. La prima è Enrica, incarna la normalità a cui lui aspira; l’altra è Livia, sensuale e passionale, da cui si sente attratto. Chi tra le due farà breccia nel cuore imperscrutabile del commissario?

Ecco la prima foto dal set con Lino Guanciale, pubblicata dal regista Alessandro D’Alatri:

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.