Fortnite a un passo dalla cancellazione, clamorose rivelazioni sul passato del Battle Royale

La macchina sforna soldi di Epic Games ha rischiato seriamente di finire nel dimenticatoio, se non ci fossero stati avvicendamenti ai vertici della compagnia

6
CONDIVISIONI

Affermare che Fortnite sia probabilmente il videogioco più famoso in assoluto dell’intera storia videoludica potrebbe non essere poi qualcosa che va tanto lontano dalla realtà. Nel corso della sua breve (per ora) ma intensa carriera, il Battle Royale di Epic Games è stato in grado di infrangere record su record, con l’estesa community che ha permesso al publisher di incamerare un quantitativo di denaro inimmaginabile se si pensa che il titolo è fornito in formato totalmente gratuito ai videogiocatori. Una formula ludica assolutamente vincente quella del free to play condito da microtransazioni di valore puramente cosmetico del coloratissimo esponente del genere Battaglia Reale.

Ma stando alle indiscrezioni trapelate nelle ultime ore, parrebbe che la storia di Fortnite sarebbe potuta essere molto diversa -e con essa quella dell’industria videoludica stessa – dal momento che si vocifera che sia stato molto vicino alla cancellazione. Gamerant riporta infatti di come l’allora Director di Epic Games, Rod Fergusson, ha a più riprese provato a cancellare il gioco prima di abbandonare gli studi per dirigersi verso quelli di Irrational Games per collaborare alla realizzazione di Bioshock Infinite. Il tutto è emerso durante un’intervista rilasciata dallo stesso Director nel corso dell’E3 2019 a Game Informer.

C’è da ravvisare però il fatto che nel momento in cui Fergusson ha provato a dar vita alle proprie macchinazioni anti Fortnite il titolo aveva ancora soltanto la modalità cooperativa Salva il Mondo, con quella competitiva di stampo Battle Royale che è arrivata soltanto in seconda istanza, sulla scia del grande successo raccolto da PUBG in quello stesso periodo. La permanenza del buon Rod tra le fila di Epic Games avrebbe quindi compromesso totalmente la carriera di Fortnite, che non sarebbe divenuto il titolo più giocato e seguito degli ultimi anni.

Ciò avrebbe generato un vuoto che è difficile immaginare allo stato attuale, vista la grandissima diffusione che il gioco ha avuto (basti pensare alle edizioni presenti praticamente per qualsiasi piattaforma disponibile) oltre al suo essere fonte di ispirazione per le dinamiche di gioco di svariate produzioni.

Nel frattempo, vi segnaliamo che è disponibile l’aggiornamento 9.20 del gioco, mentre qui trovate la foltissima community italiana di riferimento, Fortnite Italia Group.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.