Radioattività anche in Stranger Things 3 dopo Fear The Walking Dead 5 e Chernobyl?

La radioattività e la Guerra Fredda al centro dei nuovi episodi di Stranger Things 3?

20
CONDIVISIONI

Sembra proprio che la radioattività possa essere il filo conduttore di questo scorcio di stagione televisiva e che anche Stranger Things 3 si stia preparando a seguire questa “tendenza”. Una coincidenza? Non lo sappiamo ma di sicuro il discorso della radioattività e delle sue conseguenze è molto di “moda” in questo momento e non solo perché la serie tv Chernobyl ha scosso le coscienze e ha segnato ottimi ascolti negli Usa e in Italia, ma perché in questi giorni, alla domenica sera, anche Fear The Walking Dead 5 sta affrontando lo stesso argomento.

Tra vaganti radioattivi, camici bianchi e maschere anticontaminazione, lo spin off di The Walking Dead ha introdotto questa zona pericolosa e altamente contaminata così come lo sono le persone che vi lavoravano e che adesso sono diventati zombie pronti ad infettare chi li uccide e non solo. A questo punto sembra che lo stesso tema possa essere alla base dei nuovi episodi di Stranger Things 3.

Si è parlato molto di questa possibilità nei giorni scorsi soprattutto quando il nuovo poster ha mostrato una serie di topi morti e strani edifici. La serie debutterà il prossimo 4 luglio ma i fan stanno iniziando a insinuare che nel mondo immaginario di Hawkins, Indiana potrebbe trovarsi qualcosa che possa legare tutto alla radioattività e a Chernobyl.

Il disastro avvenne nell’aprile del 1986 e questo non farebbe altro che giocare a favore di Stranger Things 3 ambientata a metà del 1985 e, quindi, “prequel” di quello che è poi successo in Russia. Se a questo sommiamo che spesso si è parlato anche di Guerra Fredda e di soldati russi per i nuovi episodi, il gioco è fatto. Adesso rimane da capire se tutto questo è solo nella testa dei fan o se davvero c’è qualcosa che ritroveremo nei nuovi episodi della serie Netflix.

Nella prima stagione abbiamo scoperto che Eleven è stato allevata negli Hawkins National Laboratory di proprietà del Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti, e proprio i loro esperimenti hanno aperto la porta al Sottosopra, è possibile che nell’era della Guerra Fredda, sia successo lo stesso?

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.