Più ampia del previsto la diffusione del sistema operativo di Huawei: Hongmeng in test su Xiaomi

Non solo Huawei e Honor in fase test con il nuovo OS. Occhio ai rumors di oggi 11 giugno in giro per il mondo

116
CONDIVISIONI

In queste settimane si rincorrono tante indiscrezioni sul nuovo sistema operativo di Huawei, vale a dire Hongmeng. I primi device del produttore cinese e quelli legati al marchio Honor con il nuovo OS dovrebbero esordire sulla scena entro la fine del 2019, come del resto abbiamo percepito anche attraverso le ultime informazioni che vi abbiamo fornito sul tema lo scorso weekend. Tuttavia, oggi 11 giugno sono trapelate ulteriori voci che potrebbero fare la differenza per lo sviluppo del tanto discusso progetto.

Secondo quanto riportato da una fonte diventata autorevole in questi mesi, vale a dire Huawei Central, sarebbero partiti dei test addirittura da parte di Xiaomi e Oppo per Hongmeng. Insomma, il discusso sistema operativo di cui tanto si parla da maggio potrebbe non essere esclusiva di Huawei e Honor. Dettaglio non di poco conto, che ci fa percepire quanto sia grosso questo progetto. Certo, siamo solo in fase test, ma l’apertura di questo prodotto software è molto significativa.

Una risposta decisa a Google e Android, in attesa di capire come si evolverà il ban giunto dagli Stati Uniti. In questo senso occorre soffermarsi anche sui tweet di Global Times. Al momento non si sa nulla di più, soprattutto sulla data di uscita di Hongmeng, ma le ultime notizie ci parlano di uno stato dei lavori avanzato. Di certo la svolta che porterebbe con sé l’uscita dalla Cina del nuovo OS di Huawei potrebbe rappresentare uno dei tre capitoli più pesanti nella fase pre-lancio.

Insomma, continuate a seguirci per scoprire tutti i dettagli sulle tappe di avvicinamento che ci condurranno alla presentazione del nuovo sistema operativo di Huawei e Honor, a quanto pare pronto ad essere montato anche su prodotti di altri brand. Che ne pensate di questi ultimi sviluppi?

Commenti (1):
versus

penso che i cinesi non li possa fermare nessuno , e che trump con il suo ban ha dato un accellerata a quello che diventerà quasi un monopolio , specie nel 5g dove i brevetti depositatisono quasi tutti made in china e più precisamente made in huawei..

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.