TIM è l’album postumo di Avicii, i proventi alla fondazione Tim Bergling per la prevenzione del suicidio

I proventi saranno devoluti alla fondazione no profit “Tim Bergling” per la prevenzione dei disturbi mentali e del suicidio.

6
CONDIVISIONI

Si intitola TIM l’album postumo di Avicii, disponibile in digitale e in tutti i negozi tradizionali. TIM raccoglie gli inediti di Avicii, producer, musicista, autore e performer.

Il titolo è dovuto al suo nome di battesimo. Avicii infatti all’anagrafe è Tim Bergling, scomparso prematuramente il 20 aprile 2018 dopo 10 anni di attività.

Tim ha rivoluzionato lo standard della performance nella musica elettronica, definendo il suono e la struttura dell’EDM nel mondo. Nel 2016 aveva annunciato il suo ritiro dalle scene comunicando che non avrebbe mai mollato la musica nell’intenzione di continuare a parlare di sé ai fan attraverso questa. L’ambizioso obiettivo lo raggiunge l’album TIM, un disco postumo che a distanza di un anno dalla sua morte lascia che sia la musica a parlare ai fan.

“Non lascerò mai la musica. Continuerò a parlare ai miei fan attraverso di essa”.

TIM di Avicii è disponibile in tutto il mondo in versione fisica e digitale, un disco dal sound fresco e originale che consente ad uno dei protagonisti della musica contemporanea più seguiti dei proporre nuova musica nonostante l’assenza fisica.

SPIN Magazine scrive: “TIM sottolinea la maestria di Avicii nel creare melodie indimenticabili ed effervescenti, che riflettono le idee e la struttura delle canzoni. È la quintessenza di Avicii e un’evoluzione intelligente della musica pop e dance”.

Avicii aveva completato moti dei 12 brani di TIM prima della sua scomparsa. Con Chris Martin aveva lavorato a Heaven nel 2014, conclusa nel 2016. Anche il brano Heart Upon My Sleeve (feat. Imagine Dragons) era stata chiusa, ad eccezione dell’ultimo verso aggiunto dopo la scomparsa di Avicii.

Gli altri brani erano al 90% e ad occuparsi della loro chiusura sono stati i tre producer con cui Tim ha collaborato nel corso della sua carriera, seguendo le istruzioni che Avicii aveva lasciato loro.

I proventi derivanti dalla vendita di TIM andranno alla fondazione no profit “Tim Bergling” per la prevenzione dei disturbi mentali e del suicidio.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.