Chernobyl non avrà un seguito ma una versione russa sì: il Paese si offende e pensa alla sua serie sul disastro

Una versione russa della serie tv Chernobyl non può non partire da un agente segreto americano

21
CONDIVISIONI

Siamo alla frutta? Forse sì o forse no, fatto sta che Chernobyl continua a creare scalpore e se fino a questo momento lo ha fatto con la messa in onda degli episodi in Usa (e dal 10 giugno anche in Italia), adesso è pronta a fare lo stesso con una scia di polemiche. La serie rivelazione di quest’ultimo scorcio di stagione non ha avuto solo l’onore di scuotere le anime e rendere coscienti anche i più giovani di quanto sia tragico quello che è successo quella notte, ma ha messo in crisi anche la Russia.

A quanto pare gli eterni rivali degli americani non hanno gradito la serie tv e il suo racconto tanto da essere pronta per una nuova Guerra Fredda a colpi di episodi sentendosi offesa da quello che è stato detto o mostrato. Proprio per questo i media russi sono pronti a gettare fango sulla serie HBO e sugli eroi dimenticati che sono al centro di questa prima mini, e unica, stagione, dicendosi pronti a lanciare la propria versione.

La provocazione arriva dal Moscow Times, uno dei maggiori giornali nazionali, in cui si legge che la serie americana sia quasi lesiva della reputazione russa e della sua forza e potenza nucleare mostrando una versione distorta, quasi una caricatura, della verità. In particolare, si legge che nella serie mancano solo “orsi e fisarmoniche”, l’equivalente dei nostri pizza e mandolino, per completare uno show e una storia fatti solo di stereotipi.

Ma mentre la versione americana di Chernobyl raccoglie recensioni positive in giro per il mondo, la Russia è pronta a lanciare la sua versione raccontando la storia del disastro nucleare dal proprio punto di vista, la “vera” prospettiva. Lo show dovrebbe essere prodotto dal canale NTV e racconterà una storia che prenderà il via proprio da un agente segreto della CIA inviato per sabotare la centrale e a confermarlo è lo stesso regista scelto per il progetto, Alexei Muradov: “Una teoria sostiene che siano stati proprio gli americani ad infiltrarsi nella centrale per sabotarla”. Come sarà questa versione?

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.