Chiarimenti sull’uscita di Honor 20 e 20 Pro in Italia

Alcune informazioni utili per approcciare al meglio un argomento delicato per gli utenti italiani

10
CONDIVISIONI

In questi giorni si parla tanto del futuro di Honor 20 e Honor 20 Pro, in riferimento alla loro uscita in Italia. La rimozione della pagina dedicata al fratello maggiore all’interno del sito della divisione italiana, accompagnata dalle recenti novità inerenti il ban Google imposto da Trump, ha aperto inevitabilmente una riflessione sul futuro dei due smartphone che sono stati lanciati sul mercato italiano nel corso degli ultimi giorni. Cosa dobbiamo aspettarci? La situazione, in effetti, sembra essere più chiara del previsto.

Come emerge all’interno della pagina Facebook di Honor Italia, infatti, non c’è nulla da temere. In attesa delle certificazioni del caso e che si metta completamente in moto la macchina commerciale per i top di gamma, possiamo affermare senza margini di dubbi che l’uscita di Honor 20 si avrà qui in Italia durante il mese di giugno. A seguire, a luglio, avremo anche l’esordio ufficiale di Honor 20 Pro. Non abbiamo ancora date specifiche ufficiali da condividere coi nostri lettori, ma il percorso ormai sembra tracciato.

Al contempo, occorre ricordare che quanto emerso negli ultimi giorni non ha nulla a che vedere con gli imprevisti legati ai difficili rapporti diplomatici che in questo momento si sono venuti a creare tra Huawei e gli Stati Uniti. A tal proposito giungono rassicurazioni sul fatto che i device in questione riceveranno regolarmente tutti gli aggiornamenti software in programma dopo la loro commercializzazione.

Insomma, tutti i timori su questa vicenda possono essere messi di parte, in quanto i recenti Honor 20 e Honor 20 Pro sono pronti a fare il proprio esordio sul mercato. A questo punto la palla passa agli utenti italiani, in attesa di conoscere il reale impatto che i dispositivi avranno sul mercato europeo.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.