Video, testo e traduzione di Ausländer dei Rammstein, una fucilata contro il turismo sessuale

Till Lindemann e soci mettono in ridicolo il colonialismo con un video all'altezza dell'attitudine provocatoria della band

601
CONDIVISIONI

Ausländer dei Rammstein è il terzo singolo estratto dal nuovo album, l’attesissimo nuovo disco pubblicato il 17 maggio a 10 anni di distanza da “Liebe ist für alle da” (2009). 11 tracce che hanno soddisfatto le aspettative, se consideriamo le anticipazioni di DeutschlandRadio e se prendiamo come modello i dischi che hanno consacrato la tanz metal band tedesca al successo mondiale.

Negli anni la squadra di Till Lindemann ha tracciato le linee sempre più demarcate di ciò che oggi, vent’anni dopo la prima comparsa sugli schermi e nei negozi di dischi, ritroviamo in una nuova opera che sa di rinascita da una parte e di maturazione dall’altra: non mancano le adorabili fortezze sonore delle chitarre di Richard KruspePaul Landers, e nemmeno i beat metallici e incalzanti di Christoph Schneider, ma soprattutto ritroviamo le epiche interpretazioni del frontman che sa vestire i panni del cantastorie tossico, maledetto e ispiratissimo.

Ausländer dei Rammstein è un colpo al bassoventre sui seduttori seriali che girano il mondo per cercare avventure rese obbligatorie da un sentimento di patriarcato. In poche parole: il brano prende in giro, condanna e sbeffeggia gli avventori del turismo sessuale, e lo fa scomodando le tipiche formule dello straniero che parte alla conquista di donne autoctone snaturate dal loro status di esseri umani e ridotte a oggetti inanimati.

Lindemann snocciola frasi da sciupafemmine maldestro e dal vocabolario ridotto, come “Mi amor”, “Mon chéri” e addirittura “Ciao ragazza”, quasi per ostentare una capacità babelica di comunicazione ma che si rivela una colossale lacuna in termini di umanità. Nel video diretto da Jörn Heitmann, inoltre, la dose del messaggio è oltremodo rincarata: Ausländer dei Rammstein coniuga il colpo basso al turismo sessuale con l’ossessione europea del colonialismo, e infatti mostra lo sbarco dei componenti della band in una terra africana.

Lindemann e soci vengono accolti dagli autoctoni e si improvvisano insegnanti di lingua, artisti, esperti di cucina ma soprattutto si appartano con le donne del luogo durante una danza notturna. Terminata la loro “missione” – impartire lezioni non richieste, esportare cultura et cetera – gli europei lasciano quella terra e lasciano donne che tengono bambini bianchi tra le braccia. Christian Lorenz verrà lasciato lì mentre gli altri prendono il largo con l’imbarcazione.

Con Ausländer dei Rammstein riscopriamo la critica pungente e la provocazione, elementi da sempre fondamentali della band di Mein herz brenntSonne e Spiel mit mir.

TESTO

Ich reise viel, ich reise gern
Fern und nah und nah und fern
Ich bin zuhause überall
Meine Sprache: International
Ich mache es gern jedem recht
Ja, mein Sprachschatz ist nicht schlecht
Ein scharfes Schwert im Wortgefecht
Mit dem anderen Geschlecht
Ich bin kein Mann für eine Nacht
Ich bleibe höchstens ein, zwei Stunden
Bevor die Sonne wieder lacht
Bin ich doch schon längst verschwunden
Und ziehe weiter meine Runden

Ich bin Ausländer (Ausländer)
Mi amor, mon chéri
Ausländer (Ausländer)
Ciao ragazza, take a chance on me
Ich bin Ausländer (Ausländer)
Mon amour, Я люблю тебя
Ein Ausländer (Ausländer)
Come on, baby, c’est, c’est, c’est la vie

Andere Länder, andere Zungen
So hab’ ich mich schon früh gezwungen
Dem Missverständnis zum Verdruss
Dass man Sprachen lernen muss
Und wenn die Sonne untergeht
Und man vor Ausländerinnen steht
Ist es von Vorteil, wenn man dann
Sich verständlich machen kann

Ich bin kein Mann für eine Nacht
Ich bleibe höchstens ein, zwei Stunden
Bevor die Sonne wieder lacht
Bin ich doch schon längst verschwunden
Und ziehe weiter meine Runden
Hahahahahaha

Ich bin Ausländer (Ausländer)
Mi amor, mon chéri
Ausländer (Ausländer)
Ciao ragazza, take a chance on me
Ich bin Ausländer (Ausländer)
Mon amour, Я люблю тебя
Ein Ausländer (Ausländer)
Come on, baby, c’est, c’est, c’est la vie

Du kommen mit, iche machen gut
Du kommen mit, iche machen gut
Du kommen mit, iche machen gut

TRADUZIONE

Viaggio molto, adoro viaggiare
vicino e lontano, lontano e vicino.
Ovunque trovo casa,
la mia lingua è internazionale.
Mi piace piacere a tutti,
sì, la mia lingua è buona,
è una spada affilata nella guerra delle parole
con l’altro sesso.

Non sono un tipo da una notte,
mi fermo una o due ore al massimo.
Prima che il sole sorga
sono già scomparso e ho ripreso i miei viaggi.

Sono straniero (straniero)
Amore mio, mia cara.
Straniero (straniero),
Ciao ragazza, sceglimi
Sono straniero (straniero)
Amore mio, ti amo.
Uno straniero (straniero)
Andiamo, bambina, è la vita.

Altri paesi, altre lingue
in questo modo mi sono subito imposto,
mi infastidisce l’idea
che si debbano imparare le lingue.
Quando il sole tramonta
e sto di fronte alle donne del luogo
rendersi comprensibili è un vantaggio.

Non sono un tipo da una notte,
mi fermo una o due ore al massimo.
Prima che il sole sorga
sono già scomparso e ho ripreso i miei viaggi.

Sono straniero (straniero)
Amore mio, mia cara.
Straniero (straniero),
Ciao ragazza, sceglimi
Sono straniero (straniero)
Amore mio, ti amo.
Uno straniero (straniero)
Andiamo, bambina, è la vita.

Vieni con me, sono buono,
vieni con me, sono buono,
vieni con me, sono buono.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.