Billy Joel e Jason Bonham hanno suonato Whole Lotta Love e Good Times Bad Times dei Led Zeppelin a Philadelphia (video)

Il figlio di "Bonzo" si è messo di nuovo dietro le pelli per celebrare il padre

36
CONDIVISIONI

Se dovessimo trovare delle iconografie sonore di tutto il rock che scosse il mondo degli anni ’70, Whole Lotta Love Good Times Bad Times dei Led Zeppelin sarebbero fra queste, e avremmo più di un motivo. In primo luogo stiamo parlando di una rivoluzione, perché solo un autodidatta John Bonham e un virtuoso John Paul Jones, sotto l’egida di un muro sonoro inventato da Jimmy Page e un canto epico e sporco portato sul palco da Robert Plant avrebbero saputo re-inventare il mondo del rock per gettare le basi dell’heavy metal. C’è da dire, inoltre, che in quegli anni i Led Zeppelin erano in ottima compagnia.

Maledetti quanto i Black Sabbath ed esplosivi quanto gli Who, ma anche romantici e acidi quanto i Beatles e sensuali quanto i Rolling Stones, i Led Zeppelin ci hanno insegnato quanto il Diavolo (che ancora sghignazza per le farlocche attribuzioni) possa tracciare contorni perfetti ed eterni. Nel 1980 tutto finì, ma solo per il mondo discografico, perché quando nel 2007 Jason Bonham sedette dietro le pelli per la storica reunion di Londra tutti versammo qualche lacrima di gioia e di adrenalina.

È accaduto di nuovo: Jason Bonham ha martellato le percussioni durante un concerto di quel Billy Joel di Uptown Girl. Al Citizen Bank Park di Philadelphia, infatti, il cantautore e il figlio d’arte hanno dato vita a una jam con Whole Lotta LoveGood Times Bad Times dei Led Zeppelin. La prima è stata cantata dal chitarrista Michael DelGuidice, che milita nella band di Joel dal 2013 e che ha regalato al pubblico lo storico assolo di Jimmy Page. Non poteva mancare, nello special, il monumentale assolo di batteria di Bonham, che il figlio di “Bonzo” ha riproposto in un momento colorato di misticismo.

La seconda è stata cantata da Billy Joel, che non è di certo nuovo negli omaggi alla leggendaria band di Stairway To HeavenWhole Lotta LoveGood Times Bad Times dei Led Zeppelin continuano ad affascinare gli artisti di fama internazionale e il loro pubblico, sempre assetato di quel rock così viscerale, provocatorio e rivoluzionario.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.