Abbandonata Huawei da SD Association e WiFi Alliance: tra contromisure e prospettive future

Alcune indicazioni interessanti per Huawei su due fronti fino a questo momento non toccati dalla questione Trump

11
CONDIVISIONI

Volge al termine una settimana delicata e ricca di cattive notizie per il mondo Huawei, al netto di deroghe giunte dagli Stati Uniti sulla questione aggiornamenti e sulla strada intrapresa dal colosso cinese con la realizzazione del suo nuovo sistema operativo, come abbiamo avuto di constatare anche nella giornata di ieri. Al dì là di quanto stabilito da Trump, con effetti scontati sulle decisioni strategiche di brand come Google, bisogna prendere in esame quanto emerso in queste ore anche con altri soggetti.

E così, se in settimana si sono susseguite le prese di posizione da parte di fornitori come Intel e ARM, tanto per citarne due, oggi 25 maggio è importante esaminare anche come stiano evolvendo le cose sul fronte SD Association e Wi-Fi Alliance per Huawei. Entrambi gli enti, fino a quando l’ormai nota questione diplomatica non verrà chiarita, hanno dichiarato di voler fare un passo indietro nell’inclusione dei device concepiti dal brand asiatico.

Insomma, in primo luogo vedremo gli smartphone Huawei non più inclusi nell’organizzazione conosciuta come SD Association. Questione evidenziata anche da una fonte come Huawei Central, che tuttavia ribadisce come una scelta del genere possa avere effetti minimi per il produttore. Il motivo? C’è un progetto in casa Huawei che prevede la propria soluzione per schede Nano-Memory (NM), a conti fatti più piccola rispetto ad una scheda microSD.

Il secondo fronte, come accennato, investe il mondo Wi-Fi Alliance (WFA), che promuove la tecnologia Wi-Fi e certifica appunto i prodotti WiFi. In questo caso il problema per Huawei diventa teoricamente più grosso, ma la stessa organizzazione fa sapere che si tratta di una misura standard e temporanea, in attesa che venga risolta la questione con gli Stati Uniti. Staremo a vedere quale sarà il prossimo capitolo di questa vicenda.

Segui gli aggiornamenti della sezione Huawei sui nostri gruppi:

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.