Banditi Huawei P30 Pro e Mate X dal sito Google: nessuna traccia più tra i migliori device

Decisamente scomparsi dalle pagine del sito di Big G entrambi i device, al loro posto la concorrenza

21
CONDIVISIONI

Conseguenze su conseguenze, da quello più serie a quelle anche solo simboliche ma sta di fatto il Huawei P30 Pro e pure l’innovativo smartphone pieghevole Huawei Mate X sembrano non essere più nelle grazie di Google (come potrebbe essere altrimenti dopo il ban del governo USA di questa settimana). Accade così che dei specifici device non si trova più traccia sul sito ufficiale Android e il loro vuoto lascia spazio alla concorrenza ora più che mai agguerrita e di certo intenzionata a sfruttare la situazione.

La scomparsa dei Huawei P3o e del Huawei Mate X dal sito Google è stata notata per prima dagli esperti di 9to5Google. La pagina web della discordia di Big G è questa e risulta essere un chiaro tentativo di promozione di tutto l’ecosistema Android, considerando il gran numero di device al mondo supportati dalla soluzione software di Mountain View (circa 24.000 modelli). Il collegamento in questione è diviso in varie sezioni e paragrafi e uno di questi mette in evidenza gli smartphone più innovativi e all’avanguardia. Ebbene, fino a qualche ora fa, tra questi compariva lo smartphone pieghevole Mate X, insieme con il Samsung Galaxy S10 5G, LG V50 ThinQ 5G e lo Xiaomi Mi Mix 5G. Neanche a dirlo, ora neanche l’ombra.

Anche il Huawei P30 Pro è stato letteralmente bannato nella pagina web qui in esame e dunque risulta scomparso: prima occupavano un posto di spicco nella sezione dedicata ai device in grado di offrire la migliore esperienza fotografica in assoluto. Al posto del modello Pro del produttore cinese prima presente, ora sono presenti solo i modelli Google Pixel 3, Moto G6 e OnePlus 6T.

Impossibile considerare l’ultima mossa trascurabile e di poco conto: sebbene Huawei stia facendo di tutto per continuare a lavorare con Google e nello stesso tempo a sviluppare un suo sistema operativo proprietario, non c’è dubbio che la situazione attuale rischierà di avere ripercussioni sulle vendita  del Huawei P30 ora in commercio e renderà ancora più incerto il futuro dello smartphone pieghevole Mate X ancora non lanciato sul mercato, esattamente come nel caso della nuova serie Honor 20.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.