Due buone notizie sulle pubblicità WhatsApp: uscita ritardata e poco invasive

Si passa dalla teoria alla pratica, con alcune novità molto importanti sul tanto discusso progetto di WhatsApp

1
CONDIVISIONI

Emergono tutto sommato buone indicazioni in queste ore per quanto riguarda le pubblicità WhatsApp. In tanti temevano una vera e propria invasione all’interno delle conversazioni private e di gruppo durante il 2019, indipendentemente dal fatto che si disponga di un iPhone o di uno smartphone Android, ma nelle ultime ore sono trapelate indicazioni che in qualche modo confermano quanto vi abbiamo riportato qualche mese fa con un altro articolo. Fondamentale, pertanto, fare il punto della situazione oggi 22 maggio con le informazioni in nostro possesso.

Come riporta Smartdroid, durante un recente evento al quale hanno partecipato anche membri dello staff della nota app di messaggistica, abbiamo avuto modo di analizzare un’immagine con cui ci siamo fatti un’idea più chiara sul modo in cui funzioneranno le pubblicità WhatsApp. Almeno in un primo momento. Confermando le indiscrezioni di inizio 2019, infatti, ora abbiamo la certezza che in questa fase le inserzioni verranno collocato solo all’interno degli stati, con un “call to action” che in qualche modo ci ricorderà gli annunci già collocati in altre app di messaggistica. Vedere per credere il caso di Facebook e Instagram.

L’altro spunto interessante che abbiamo ricavato in queste ore, poi, si riferisce al fatto che le pubblicità WhatsApp non arriveranno sulla scena prima del 2020. Insomma, progetto slittato di qualche mese, anche se al motivo non sono state rese pubbliche le ragioni che hanno indotto lo staff a prendere una decisione di questo tipo. Avremo dunque tutto il tempo per abituarci all’idea, ma anche un arrivo graduale che non dovrebbe pesare troppo nel nostro modo di utilizzare l’app in questione.

Che ve ne pare della foto riportata ad inizio articolo sulle pubblicità WhatsApp? Si tratta di una scelta strategica che possiamo considerare tutto sommato accettabile? Fateci sapere con un commento qui di seguito.

Commenti (1):
Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.