Aumentati i prezzi Kena Mobile: decisione obbligata di TIM

L'aumento medio dei prezzi ha coinvolto anche Kena Mobile: TIM li ha ritoccati per evitare la cannibalizzazione interna

I numeri non hanno dato ragione a Kena Mobile nel Q1 2019, stando a quanto emerso durante la conference call attraverso cui Telecom Italia ha dettagliato i dati finanziari del relativo periodo e poi riportato da ‘mvnonews.com‘. Alla crescita fatta registrare in più o meno tutto il secondo trimestre dello scorso anno è succeduto un momento di stabilizzazione, dovuto probabilmente all’aumento dei prezzi medi applicato dall’operatore no frills di TIM, in linea con quanto fatto dal main brand (una strategia oculata, disposta appositamente per evitare l’insorgere di situazioni complicate, come stiamo per esporvi). Il rischio da scongiurare è quello della cannibalizzazione interna per effetto dell’eventuale dislivello che avrebbe potuto sussistere tra le offerte di TIM e Kena Mobile (da qui l’aumento che, partito dall’operatore principale, ha coinvolto anche il virtuale).

Del resto, è stato proprio TIM il primo vettore italiano ad optare per le tanto odiate rimodulazioni, cui hanno fatto seguito via via tutti i principali concorrenti. Kena Mobile, seguendo le orme del gestore blu, ha visto un progressivo aumento dei prezzi delle offerte proposte, a partire da gennaio 2019: dai 7.99 euro/mensili di fine 2018 ai 12.99 euro per la proposta attuale (quella che possono attivare tutti), oppure dai 5.99 euro/mese della fine dell’anno passato agli odierni 8.99 euro per l’offerta attivabile da chi proviene da Iliad e ho. Mobile.

Nonostante la decrescita dell’11.4 % in termini di ricavi sui servizi ed un ricavo medio per unità in costante calo, l’Amministratore Delegato Luigi Gubitosi è parso ottimista per il futuro: secondo il dirigente si prospetta un periodo di stabilizzazione nel corso del Q2 2019, cui farà seguito un graduale miglioramento in quelli a seguire (del resto le rimodulazioni sono state tante, e da parte di quasi tutti gli operatori). Ci avrà visto giusto secondo voi? Lasciate un commento all’articolo per metterci al corrente della vostra opinione.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.