Decisa e orgogliosa la risposta di Huawei a Google e Trump: le ultime sul 5G

Arriva una prima risposta del fondatore di Huawei. Tanti i temi trattati, dal 5G agli aggiornamenti in seguito alla licenza di novanta giorni

41
CONDIVISIONI

Si parla tanto in queste ore della diatriba che vede coinvolta Huawei con Honor, in riferimento alla diatriba con Google e più in generale Trump. Tra ieri e oggi tutti si sono soffermati sugli effetti potenziali, per quanto riguarda la questione della fornitura di ulteriori aggiornamenti software, tralasciando invece la causa. La vicenda trae origine dei recenti investimenti di Huawei sul fronte 5G, con gli Stati Uniti che senza girarci troppo intorno credono al rischio spionaggio da parte del governo cinese.

In mattinata le acque si sono calmate, quando in giro per il mondo ha preso piede la notizia relativa alla deroga di novanta giorni concessa a Huawei, anche sul fronte degli aggiornamenti software da fornire come abbiamo avuto modo di notare in mattinata. Tuttavia, sempre in giornata, è arrivata una replica ufficiale e orgogliosa del produttore, considerando che a parlare in questo frangente è stato Ren Zhenfei, il suo fondatore.

Secondo quanto riportato da Huawei Central, quanto avvenuto nelle ultime 48 ore non inciderà in alcun modo sui piani dell’azienda. In sostanza, secondo Ren Zhenfei la roadmap di Huawei sul fronte 5G non cambierà minimamente, nemmeno negli Stati Uniti, al punto che si sottolinea con grande orgoglio come l’azienda abbia almeno due o tre anni di vantaggio rispetto alla concorrenza in questo particolare settore. Dettagli non di poco conto, in giorni assai caotici anche per gli utenti italiani che hanno deciso di dare fiducia al brand.

Per quanto riguarda la questione software degli smartphone Huawei e Honor, lo stesso Ren Zhenfei fa sapere di aver accolto con indifferenza la notizia della licenza di novanta giorni giunta in queste ore dagli Stati Uniti e che la sua creatura ha la forza per assicurare a prescindere aggiornamenti costanti ai propri utenti. Staremo a vedere quale sarà il prossimo capitolo di questa vicenda.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.