Lutto negli Slipknot, è morta la figlia di Shawn Crahan

Solo pochi giorni fa il gruppo aveva annunciato il nuovo disco.

6
CONDIVISIONI

Un grave lutto ha colpito la band degli Slipknot: è morta la figlia di Shawn Crahan, Gabrielle Crahan. La ragazza aveva solo 22 anni ed è venuta a mancare nelle scorse ore.

La figlia del percussionista del gruppo, Shawn Crahan, è stata trovata senza vita e le cause del decesso sono al momento in corso di accertamento. A comunicare al mondo la prematura scomparsa della donna è stato il padre attraverso un posto condiviso sui canali social ufficiali degli Slipknot:

“Con il cuore spezzato e con un profondo dolore vi comunico che mia figlia Gabrielle è morta ieri, sabato 18 maggio. Aveva 22 anni. Ci sarà a breve la cerimonia funebre. Io e la mia famiglia chiediamo che la nostra privacy ora venga rispettata”.

Gabrielle Crahan è stata trovata senza vita nella notte di sabato 18 maggio. Le cause della scomparsa non sono ancora state rese note. Il musicista ha chiesto di rispettare il lutto della famiglia e ha informato che a breve si terrà la cerimonia funebre per l’ultimo saluto a sua figlia. Gabrielle era la terza di quattro figli, avuti da Crahan con sua moglie Chantel.

Il messaggio sui social:

Il post è stato letto da centinaia di migliaia di fan e migliaia sono i messaggi che stanno raggiungendo in queste ore gli Slipknot e il suo batterista, Shawn Crahan.

L’ultimo album del gruppo è stato annunciato di recente, in programma per il prossimo 9 agosto con il titolo We are not kind. Prima del lutto, la band heavy metal aveva comunicato di aver ottenuto la copertina di Spotify relativa alla playlist New Metal Tracks.

 

Per restare sempre aggiornato, aggiungi ai tuoi contatti su smartphone il numero 3770203990 e invia un messaggio WhatsApp con testo “NEWS”. Il servizio è completamente gratuito! In qualsiasi momento sarà possibile disdirlo inviando un messaggio con testo “STOP NEWS” allo stesso numero.
Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.