Profumo di Pie per ASUS ZenFone 4 Max: prima beta AOSP

Primi passi verso Android 9.0 Pier per ASUS ZenFone 4 Max, che acciuffa la sua prima beta AOSP ufficiale

10
CONDIVISIONI

Saranno entusiasti i possessori di ASUS ZenFone 4 Max di sapere che il loro dispositivo può toccare con mano anche Android Pie 9.0, nonostante si parli solo di una prima beta AOSP ufficiale basata sull’ultima major-release dell’OS mobile di Google. Ricordiamo che il terminale è reduce da un solo major-upgrade, quello targato Android 8.0 Oreo ricevuto lo scorso ottobre. La soluzione di cui vi stiamo parlando oggi è una beta AOSP (Android Open Source Project), che non include le personalizzazioni del brand taiwanese, quelle dell’ormai classica ZenUI che un po’ tutti avrete imparato a conoscere e ad apprezzare.

Sappiate che installare a bordo del vostro ASUS ZenFone 4 Max questa beta significa vedere rimossi tutti i dati presenti, trattandosi di una build WIPE, che comporta il ripristino allo stato di fabbrica del dispositivo (il pacchetto non supporta gli aggiornamenti automatici, questa è altra cosa che volevamo portare alla vostra attenzione prima che procediate all’upgrade).

La release risulta compatibile solo con l’ASUS ZenFone 4 Max ZC554KL, ed è pertanto assolutamente sconsigliata l’installazione a bordo di modelli diversi. Nel momento in cui vi scriviamo non è ancora disponibile il link al download della beta AOSP basata su Android 9.0 Pie, che immaginiamo sarà pubblicata a breve nel thread dedicato, all’interno del forum ufficiale.

Non si tratterà della versione finale (non è che la prima beta, che sarà quasi certamente farcita di bug di ogni genere, in attesa di essere corretti nelle iterazioni successive, che speriamo non tardino ad arrivare), ma rappresenta comunque un primo passo verso un cambio di marcia importante per i possessori dell’ASUS ZenFone 4 Max, che si dimostra anch’esso duro a morire, come molti altri esponenti della linea prodotta dal colosso taiwanese. Se avete domande da farci, il box dei commenti è a vostra disposizione.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.