The CW non rinnova l’accordo con Netflix: le sue serie tv destinate a sparire dalla piattaforma?

A poche ore dall'incontro con la stampa arriva il primo terremoto che riguarda Netflix e le serie The CW sulla piattaforma

29
CONDIVISIONI

La nuova missione delle reti sembra essere quella di avere una propria piattaforma e segare le gambe, in qualche modo, ai rivali, che sia questo lo stesso destino di The CW contro Netflix? Le prime notizie che arrivano dagli Usa non lasciano pensare a niente di buono e anche se, al momento, non sembra che la questione riguarderà le “vecchie” serie, altra storia sarà quella di Batwoman, Katy Keene e Nancy Drew, i tre nuovi show ordinati dalla rete.

In particolare, secondo quanto riporta Deadline, sembra proprio che le tre nuove serie non arriveranno su Netflix visto che la rete non rinnoverà il suo attuale accordo con la piattaforma streaming ed è già a lavoro per nuovi contratti o, addirittura, potrebbe optare di un servizio ad hoc di Warner Interactive.

Al momento non si conoscono altri dettagli a riguardo anche se qualche novità potrebbe arrivare nel pomeriggio quando la rete incontrerà la stampa per gli annuali upfronts in cui annuncerà le novità (come se ce ne fosse bisogno) della prossima stagione telefilmica e non solo. In questi 8 anni il beneficio per The CW e Netflix è stato sicuramente importante e se da una parte la rete ha guadagnato un po’ in seguito per alcune serie come Dynasty e iZombie, dall’altro la piattaforma è riuscita ad ottenere molto dall’arrivo di Riverdale.

Sembra che le offerte esistenti per il 2019 rimarranno uguali per ora ma è vero anche che il “no” di The CW a Netflix, almeno per il momento, riguarda i tre nuovi show e non ha ancora superato i confini americani. Infine, sembra secondo Deadline sembra che la destinazione giusta per Batwoman possa davvero essere l’app di WarnerMedia mentre Netflix probabilmente potrà ottenere Katy Keene. Rimane misterioso il futuro di Nancy Drew anche se questo dipenderà da quanta concorrenza c’è per il titolo. Che questo “limite” arriverà anche in Italia? Lo scopriremo solo nei primi mesi del 2020.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.