La bancarotta di Telltale Games spiegata in un video documentario: tutte le cause del fallimento

NoClip ha pubblicato un documentario intitolato The Human Stories Behind the Games, dedicato alla chiusura di Telltale Games, avvenuta a sorpresa a novembre dello scorso anno

2
CONDIVISIONI

La chiusura improvvisa di Telltale Games, avvenuta nel novembre dello scorso anno, ha lasciato l’amaro in bocca a tanti. Tantissimi. Ai videogiocatori, che nei suoi 15 anni di onorata carriera hanno apprezzato le tante avventure grafiche realizzate dalla piccola compagnia americana, dalla saga di The Walking Dead a Game of Thrones, passando pure per licenze di Ritorno al Futuro, Jurassic Park e Borderlands. Agli addetti ai lavori, che hanno perso il posto di lavoro e/o validi colleghi. E pure a noi giornalisti, che con Telltale abbiamo creato nel tempo un rapporto speciale, fatto di storie incredibili e personaggi indimenticabili ad ogni prova su campo in anteprima, ad ogni recensione puntualmente emozionale.

Telltale Games, ad oggi, non esiste più, e ci lascia in eredità una pletora di bellissimi giochi guidati dalla narrazione. In cui le nostre scelte hanno un peso ben preciso, capaci di modificare l’andamento del racconto e il suo finale in una finzione poligonale che potrebbe tranquillamente rivaleggiare, in alcuni casi, con le opere più acclamate tra letteratura e cinema. Purtroppo, nella vita reale, l’epilogo per la software house fondata nel 2004 non è stato dei più felici, segnato da un periodo di crisi finanziaria che ha messo l’azienda in ginocchio, fino al definitivo fallimento.

E se è vero che molti aspetti della questione sono rimasti avvolti nel mistero e che almeno l’ultima stagione di The Walking Dead è stata salvata dall’intervento della Skybound Games dello stesso Robert Kirkman, oggi arriva un video-documentario che prova a fare luce su tutte le cause che hanno portato alla bancarotta di Telltale Games – potete vederlo cliccando sul tasto Play in calce a questo articolo, a patto che mastichiate la lingua inglese. Realizzato da NoClip, il documentario si chiama Telltale: The Human Stories Behind The Games e si focalizza sulle fasi che hanno portato alla chiusura dell’azienda grazie alle testimonianze di ex dipendenti come Kent Muddle, Paul Mastroianni, Emily Grace Buck e Caroline Liddick. Gli sviluppatori si sbottonano apertamente sulle problematiche tra dirigenza e sviluppatori, così come sulle difficili condizioni di lavoro.

Non solo, tra le cause del fallimento di Telltale Games vi sono pure dei lunghi periodi di crunch time – si parla di addirittura 100 ore a settimana – e i numerosi progetti gestiti in contemporanea, fattore che a lungo andare ha inevitabilmente causato problemi organizzativi ed economici che hanno comportato un calo di qualità nei singoli videogiochi prodotti. A rendere il tutto più grave, gli ex dipendenti di Telltale Games svelano di non aver avuto alcun tipo di comunicazione da parte della dirigenza sulle cattive condizioni economiche in cui versava la compagnia fino a poche ore prima della chiusura effettiva. Porte sbarrate si sono presentate al loro arrivo a lavoro, alcuni – i più fortunati – sono poi stati accolti in nuove posizioni lavorative negli studi di San Francisco, altri costretti a trasferirsi con tutti i problemi del caso.

Si tratta insomma di una fine indecorosa per un team di sviluppo tanto apprezzato e meritevole come Telltale Games. E che speriamo non si ripeta mai più in questo settore che tanto amiamo!

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.