La stampa internazionale scivola su Mahmood all’Eurovision: “Vivi in un ghetto?” (video)

Mahmood all'ESC risponde alle domande (imbarazzanti!) della stampa estera.

Mahmood si trova all’Eurovision Song Contest in rappresentanza dell’Italia. Cantante italiano al 100%, Mahmood ha il padre egiziano ma ha più volte ribadito di non aver vissuto in Egitto e di esserci stato solo un paio di volte in vacanze. Gli usi e i costumi di Mahmood sono quelli del popolo italiano, di cui fa parte al 100%.

Alla prova con le domande della stampa estera in occasione dell’Eurovision Song Contest, Mahmood si è trovato a rispondere a domande assurde.

“Come ti senti ad essere qui a Tel Aviv, da ragazzo egiziano che canta in arabo?”, gli è stato chiesto. In effetti Soldi, la canzone che Mahmood presenta all’Eurovision, presenta parti in arabo ma non è questa la lingua che Mahmood utilizza tutti i giorni. Il cantante ha risposto semplicemente ricordando di essere italiano al 100% e di considerarsi quindi un italiano in Israele, non un egiziano che canta in arabo. Ha sempre vissuto in Italia con sua madre e i suoi contatti con l’Egitto si limitano a qualche vacanza in assoluto relax.

Ciò non è bastato a fermare la domanda successiva. A Mahmood è stato chiesto come riesca a conciliare il Ramadan con la partecipazione all’Eurovision Song Contest. Il cantante ha chiarito di essere cristiano e di non partecipare al Ramadan.

Manca ancora la terza domanda: “Vivi in un ghetto?”

Non c’è da stupirsi in fondo. Ai tempi del trionfo al Festival di Sanremo 2019, con la canzone Soldi, la stampa italiana rivolse a Mahmood diverse domande sulle sue origini. Ciò che non era chiaro all’Italia, il Paese di cui Mahmood fa parte, del resto, non può essere chiaro ai nostri cugini europei che cadono nell’errore di fermarsi alle origini di Mahmood.

La finale dell’Eurovision Song Contest verrà trasmessa in diretta su Rai1 sabato 18 maggio.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.