Next-gen tra PS5, Xbox Scarlett e Google Stadia: il produttore di GTA 6 guarda al futuro

Strauss Zelnick di Take-Two delinea il futuro della compagnia. E assicura pieno supporto alle console di prossima generazione

4
CONDIVISIONI

PS5, Xbox Scarlett e Google Stadia. Sono questi i nomi che per il momento dipingono la prossima generazione videoludica. Visioni diverse sul futuro del gaming da aziende diverse – e necessariamente rivali -, che proveranno a dare una propria interpretazione alle esigenze dei gamer e degli sviluppatori con le loro prossime console. Alcuni affidandosi allo streaming – è il caso di Google, che con Stadia punta ad eliminare il tradizionale supporto fisico -, altri scegliendo un approccio adatto un po’ a tutti – pare che Microsoft andrà ad annunciare diversi modelli di Xbox, concretizzando il progetto xCloud -, e altri ancora restando ancorati alla propria storia – Sony proporrà una potente console casalinga, supportata da PS VR e PlayStation Now.

E se è troppo presto ipotizzare quale sia l’approccio vincente – per le console next-gen si parla di un’uscita non prima del 2020, con Stadia a fine 2019 -, gli addetti ai lavori sono comunque assai incuriositi da quello che arriverà fra qualche anno sul piano del gaming. Addetti come il CEO di Take-Two Interactive, Strauss Zelnick, che si è sbottonato sull’argomento nel corso dell’ultima riunione con gli azionisti. Andando di conseguenza a delineare il futuro dell’azienda, produttrice per altro della saga di Grand Theft Auto e del futuro GTA 6 per PS5 e Xbox Scarlett. Il CEO si è detto prima di tutto non preoccupato per l’uscita di PS5 e della nuova Xbox, descrivendo una situazione piuttosto solida per la compagnia americana:

È vero che l’arrivo di PS5 e della nuova Xbox potrebbe influenzare alcuni prodotti della nostra lineup ma siamo decisamente a nostro agio sotto il profilo tecnologico al momento. Nel passaggio alla nuova generazione non ci saranno problemi, siamo consapevoli del cambiamento e queste dinamiche non andranno a rovinare o interrompere i piani aziendali già pronti.

Come riportato dal sito WccfTech, Zelnick si è espresso anche sulla già citata Google Stadia, molto diversa dalle console propriamente intese – sarà una piattaforma ad abbonamento. Il presidente di Take-Two vede di buon occhio la tecnologia streaming, ma per ora non ha in programma alcun annuncio per supportare il progetto del colosso di Mountain View. Infine, Strauss Zelnick ha ricordato che Take-Two è al lavoro su vari giochi non ancora annunciati, di cui almeno uno in arrivo entro la fine dell’anno fiscale, ovvero prima del 31 marzo 2020.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.