Le riprese de L’Amica Geniale 2 mandano il traffico in tilt a Napoli (foto)

Le riprese de L'Amica Geniale 2 continuano a Napoli tra traffico in tilt e curiosi

229
CONDIVISIONI

Si continua a lavorare a ritmo serrato per le riprese de L’Amica Geniale 2 soprattutto in esterna per via del maltempo che continua ad abbattersi sul nostro Paese. Per fortuna in questo fine settimana è tornato il sole e cast e troupe si sono ritrovati per girare alcune scene in esterna proprio a Napoli nel centralissimo corso Umberto I che, per l’occasione, ha subito fatto un balzo indietro ai mitici anni ’60.

Mezzi pubblici e auto d’epoca hanno avuto la meglio sulla modernità e sul rumore di questi giorni moderni mentre tra le vie del centro e sullo stesso corso sgattaiolavano numerose comparse vestite ad hoc. Tra loro tanti curiosi ma anche chi si è lamentato per via delle modifiche apportate alla viabilità per permettere le riprese. Le polemiche non sono mancate anche se il sindaco aveva ufficialmente comunicato i divieti e le transenne erano state apposte già giovedì sera lungo le strade scelte per le riprese.

Ilmattino.it parla di una serie di lamentele non solo da parte dei cittadini ma anche dei commercianti che si sono visti portare via il posto auto destinato proprio alla sosta dei loro possibili clienti. A questo va unito il fatto che i nuovi divieti sono andati di pari passo con i cantieri in via Deprestis e in Via Marina e questo non ha facilitato la circolazione nonostante la polizia locale presente sul posto.

Tutto questo è stato spazzato via dai curiosi e dallo stupore nel vedere macchine d’epoca, attori in costume ed assistere all’immancabile «ciak» dei nuovi episodi. In molti erano convinti di poter carpire qualche dettaglio particolare ma delle foto che abbiamo trovato sui social sembra che proprio i grandi personaggi fossero assenti, o quasi.

Ecco di seguito alcuni scatti postati su Instagram dai curiosi e dai commercianti del posto:

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.