Discorso approfondito su Honor 20: tutti i dettagli trapelati

Non sarà secondo al Huawei P30 il nuovo Honor 20: il 21 maggio ne vedremo delle belle

13
CONDIVISIONI

Diventiamo più concreti oggi nel parlarvi di Honor 20 e 20 Pro, che finalmente giocano a carte scoperte, mostrando il design olografico che li contraddistinguerà. La coppia sarà presentata il prossimo 21 maggio in quel di Londra, una pura formalità, visto che ormai sappiamo praticamente tutto sul loro conto. In primo luogo questi nuovi device saranno belli da vedere: il produttore cinese ha deciso di non tralasciare l’estetica (della serie ‘anche l’occhio vuole la sua parte’), abbinandogli una serie di funzionalità irrinunciabili (non è un caso che il produttore abbia fatto sapere essere sua esplicita intenzione scalare la classifica degli OEM mondiali, provando ad attestarsi al quarto posto, cosa non facile per quella che fino a poco tempo fa non era altro che una sussidiaria del main brand Huawei). Honor 20 e 20 Pro saranno i primi terminali della storia a presentare un posteriore in vetro olografico dinamico multidimensionale (realizzabile attraverso un processo a due fasi Triple 3D Mesh). Lo strato più profondo si compone da milioni di piccoli prismi, in modo da generare un effetto diamantato. Come se non bastasse, vengono aggiunti due altri strati: la prima in vetro e la seconda rivestita dalle tonalità di 20 varianti cromatiche (di cui purtroppo non si sa ancora niente, in quanto l’OEM ha deciso di parlarne direttamente il 21 maggio).

Sul davanti, invece, Honor 20 disporrà di uno schermo da 6.26 pollici (il rapporto screen-to-body sarà del 91.6%), per un’esperienza visiva che saprà coinvolgervi fin dal primo sguardo, e di cui non riuscirete più a fare a meno. Molto più curati i bordi laterali, con riposizionamento del lettore di impronte digitali sul versante laterale destro. L’asimmetria contraddistingue il comparto fotografico, che assume una forma a ‘L’, così da fare più spazio alla batteria. Honor 20 disporrà di una fotocamera principale da 48MP (apertura f/1.8), un grandangolo da 16MP, un sensore di profondità di 2MP ed una fotocamera macro da 16MP (per restituire scatti all’altezza di quelli catturati con Huawei P30).

Non sarà da meno Honor 20 Pro, con una fotocamera principale da 48MP (apertura f/1.4), un super grandangolo da 16MP, un teleobiettivo da 8MP con zoom ottico 3x ed una fotocamera macro da 2MP. Se i top di gamma della serie P hanno saputo incantare, immaginiamo lo stesso accadrà per Honor 20 e 20 Pro, che non dovrebbero essere da meno (abbandonate l’idea secondo la quale i dispositivi Honor occupano un gradino più basso rispetto alla controparte Huawei, commettereste un grave errore, quest’anno più degli altri). Il prossimo 21 maggio saranno resi noti il resto dei dettagli relativi alla nuova coppia di device.

Per quello che non vogliono aspettare un giorno di più e vogliono anche risparmiare qualcosa al netto di un certo ridimensionamento del bagaglio tecnico in dotazione, facciamo presente che da oggi 13 maggio è stato inserito nei cataloghi Wind e 3 Italia il medio-gamma Honor 20 Lite, un altro cavallo di battaglia dell’ormai storico brand cinese, per l’ottimo rapporto qualità/prezzo che è in grado di assicurare. Adesso che conoscete un po’ tutti i particolari fin qui trapelati, su quale dispositivo pensate ricadrà la vostra scelta? Lasciate un commento all’articolo per farcelo sapere.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.