Persiste burn-in, ma la batteria del Samsung Galaxy S8 è promossa con l’aggiornamento di aprile

Dettagli apprezzabili per lo smartphone lanciato sul mercato poco più di due anni fa. La situazione in Italia

21
CONDIVISIONI

Stiamo vivendo settimane decisamente intense per quanto riguarda il Samsung Galaxy S8, considerando quanto raccolto negli ultimi giorni tra pregi e difetti del device che è stato lanciato sul mercato poco più di due mesi fa. Di recente, ad esempio, ci siamo soffermati sulla questione inerente il fenomeno burn-in, come avrete notato dall’articolo pubblicato sul nostro magazine. Si può facilmente prevedere, analizzando anche la natura dell’anomalia, che il bug persista anche dopo l’aggiornamento di aprile.

Ecco perché chi sta vivendo situazioni di questo tipo non può far altro che rivolgersi all’assistenza, confermando appunto la tesi portata avanti con il nostro primo contributo. Come vanno le cose per lo smartphone dopo aver testato la patch di aprile? Secondo le prime testimonianze rese pubbliche dai possessori del Samsung Galaxy S8, sembra confermato il trend positivo per quanto concerne la durata della batteria. Dettaglio non di poco conto, per un modello non di ultimo grido, considerando gli standard di autonomia ai quali andiamo incontro in situazioni di questo tipo.

Ad esempio, si superano facilmente le 5 ore schermo stando ai primi feedback raccolti in questi giorni, fermo restando che come sempre avviene in queste circostanze c’è anche chi non si ritiene soddisfatto della batteria del Samsung Galaxy S8 dopo l’upgrade di aprile. Già con l’aggiornamento di marzo erano trapelate novità assai interessanti sotto questo punto di vista, ma ora le varie ottimizzazioni sembrano aver fatto un altro passo in avanti.

Staremo a vedere come andranno le cose a stretto giro, ma soprattutto se dopo aver compiuto due anni lo stesso Samsung Galaxy S8 riuscirà ad ottenere con costanza aggiornamenti mensili. E a voi come va lo smartphone? Vi ritenete soddisfatti dopo il rollout del pacchetto software? Fateci sapere commentando a fine articolo.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.