Filippo Facci contro Gomorra e Roberto Saviano sulla “mitizzazione della Camorra e dei suoi protagonisti”

Filippo Facci si dice contro Gomorra e il lavoro di Roberto Saviano con la serie, ecco perché

1
CONDIVISIONI

Ci risiamo. Questa volta l’accusa contro Gomorra arriva da Filippo Facci e ha lo stesso sapore amaro di sempre perché, in qualunque modo la si metta, sembra che tutti abbiano ragione. Da una parte ci sono coloro che ritengono il mondo dello spettacolo, serie tv o film come lontane da figure educative e/o di influenza, ma dall’altra c’è chi fa notare che chi fruisce di alcuni prodotti non è sempre al di sopra di manipolazioni e spesso confonde finzione e realtà arrivando alla mitizzazione dei suoi beniamini proprio come nel caso dei boss di Gomorra.

La diatriba ormai va avanti da anni quando alcuni si sono calati nei panni di Genny Savastano, altri ancora in quelli di Ciro l’Immortale o i loro scagnozzi ma adesso, mentre Gomorra si avvia verso la sua quinta, e sembra ultima stagione, la questione è diventata ormai internazionale. Cosa è giusto e cosa è sbagliato?

Questa volta a dire la sua ci ha pensato il noto giornalista Filippo Facci che ospite del programma radiofonico “La Zanzara” di Giuseppe Cruciani ha lanciato l’accusa contro chi, in passato, aveva sempre difeso ovvero proprio Roberto Saviano:

“Gomorra ha riqualificato l’immagine della camorra, non ci sono dubbi. Io sono uno che lo ha sempre difeso e che non ha mai messo in relazione Gomorra e il successo televisivo della serie con la rinascita, soprattutto tra i bambini, del mito della camorra. Ma ormai è un problema risolto, è così. Se parli con forze dell’ordine, con i magistrati, gli avvocati, ti dicono tutti la stessa cosa. A negarlo ci è rimasto solo lui”.

Alla fine il giornalista torna sull’argomento facendo leva sul fatto che tutti lo pensano, soprattutto negli ambienti che contano e anche a Napoli: “Non sono originaloide. Sto dicendo una cosa che a Napoli, negli ambienti che contano, considerano assolutamente assodata“. Arriverà la risposta dei diretti interessati, l’ennesima su questo argomento?

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.