Umberto Tozzi e Raf, due icone ma soprattuto due amici veri, tornano insieme per un disco e un tour

La motivazione per cui i gruppi si riuniscono e gli artisti si mettono insieme è quasi sempre legata al denaro. Per loro due non è così, la loro regola numero uno è l'amicizia vera.

664
CONDIVISIONI

Umberto Tozzi e Raf tornano insieme per un disco e un tour, che debutta stasera, 8 maggio, a Rimini, RDS Stadium.

Solitamente la motivazione per cui gruppi si riuniscono e artisti si mettono insieme è legata al denaro. In questo caso no. L’amicizia è la causa di tutto ed è quella che ha sempre unito Raf e Umberto. Nata nello studio fiorentino di Bigazzi è proseguita nel tempo. I due non solo hanno composto e cantato insieme “Gente di mare”, che è entrata nella storia della canzone italiana, ma (e pochi lo sanno) Raf è anche autore di “Si può dare di più”, con cui il trio Tozzi, Morandi, Ruggeri ha vinto il Festival di Sanremo 1987 e ha riportato sulle scene Umberto dopo anni di assenza.

L’amicizia è anche quella che mi lega ad entrambi.

Raf venne per la prima volta a casa mia nel 1978 a raccontarmi del gruppo che aveva allora, i Café Caracas, dove alla chitarra c’era Ghigo, futuro componente dei Litfiba. Allora io scrivevo su Rockstar, Resto del Carlino e trasmettevo nella mia radio BBC, ma Bologna era il punto di riferimento di tutto il nuovo rock italiano. Chiamai i Café Caracas ad esibirsi live allo Small di Pieve di Cento, dove facevo il DJ, e riuscii a portarli sul palco di Piazza Maggiore a Bologna prima dello storico concerto dei Clash. Poi nel 1984 Raffaele Riefoli divenne Raf ed ebbe un boom mondiale con “Self Control” e da allora la nostra amicizia e continuata e filmata in tante interviste. Ha cercato anche di darmi consigli sull’abbigliamento, senza successo, perché gli abiti che su di lui stavano benissimo, su di me non avevano lo stesso effetto. Ricordo anche che mi portò dallo stilista fiorentino Sandro P (Pestelli).

Umberto Tozzi l’ho conosciuto per la prima volta a Sanremo nel 1987, poi la sua casa discografica, la CGD, mi chiese di realizzare un lungo reportage con lui. Ho passato vari giorni fantastici, in giro per l’Europa (Spagna, Germania) e l’Italia. Da Milano a Torino, a casa dei suoi genitori e nella parrocchia dove per la prima volta strimpellava la chitarra cimentandosi con canzoni dei Beatles. Abbiamo girato a Roma, a casa sua, a Firenze da Bigazzi, dove c’era anche Raf. Per un disguido tra la CGD e la RAI quel materiale spettacolare è ancora inedito. Un giorno lo mostrerò, anche allo stesso Tozzi che non l’ha mai visto.

Dei due, Raf è quello più serio, più concentrato. Umberto è il casinista. Ricordo che ripresi a Dusseldorf nel dicembre 1987, durante le prove dello show televisivo Notte Italiana, Umberto che durante l’esibizione di “Gente di mare”, dove era previsto i due venissero avanti nella passerella, improvvisamente corse indietro sul palco lasciando Raf smarrito quando si voltò verso di lui che non c’era più. Tozzi ama fare scherzi e giocare. Anche per questo il loro tour sarà all’insegna del divertimento e della buona musica. I due hanno le canzoni italiane di più grande successo nel mondo, basti pensare a “Gloria” e “Self control” che sono arrivate ai vertici delle classifiche USA.

In questi momenti grigi, andare a un loro concerto e cantare insieme la miriade di belle canzoni che hanno è una boccata d’ossigeno e buon umore. Oltre che di grande musica, visto che sul palco saliranno ben 10 musicisti più Raf e Tozzi.

L’intervista video allegata a questo articolo l’ho fatta proprio nella Pieve di Cento dove per la prima volta conobbi Raf e dove hanno fatto le prove di questo tour.

Ecco le date dei loro concerti:

8 maggio – Rimini, RDS Stadium

13 maggio – Milano, Mediolanum Forum

16 maggio – Firenze, Mandela Forum

18 maggio – Roma, Palazzo dello sport

19 maggio – Eboli, Pala Sele

21 maggio – Bologna Unipol Arena (dove andrò a vederli)

23 maggio – Treviso, Pala Verde

24 maggio – Brescia, Brixia Forum

25 maggio – Torino, Pala Alpitour

30 maggio – Bari, Pala Florio

1 giugno – Acireale, Pal’Art Hotel

5 giugno – Reggio Calabria, Palasport

7 giugno – Ancona, Pala Prometeo

www.roxybar.tv

Commenti (1):
Bruna

Si vabbè Red, però è una vita che ci dici che quelle famose immagini del’87 del reportage su Umberto prima o poi le tirerai fuori… io me lo ricordo sa’ è una vita che vi seguo, te e soprattutto Umbertone mio, mi ricordo che l’hai detto un sacco di volte.. proma o poi, prima o poi.. ma sto prima o poi quando è?? io pagherei oro per vederle!! (ehm… si da per dire :-) )… dai cercale cercaleeee.. un abbraccio

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.