Lo strip show di Lady Gaga al Met Gala 2019 con 4 cambi d’abito in passerella oscura l’androgino Harry Style (foto e video)

Una spettacolare Lady Gaga al Met Gala 2019 con un outfit matriosca, ma stupiscono anche gli uomini

22
CONDIVISIONI

Madrina dell’evento insieme ad Harry Style, Lady Gaga al Met Gala 2019 ha monopolizzato l’attenzione dei fotografi con un vero e proprio show. Non si è limitata certo a sfilare con un abito a tema – quest’anno il titolo scelto per l’evento di beneficenza organizzato dal Metropolitan Museum of Art Costume Institute è stato Camp: Notes on Fashion – ma ha ideato un vero e proprio spettacolo per i fotografi e il pubblico. Uno strip show, visto che si è spogliata dei suoi abiti sfoggiando ben 4 diversi outfit sullo stesso tappeto rosso.

Una matriosca di abiti che riporta alla mente le grandi sfide in passerella di Gaga: abituati a vederla nell’ultimo anno elegantissima, sempre in lungo, e perlopiù molto classica e sobria nella scelta dei suoi abiti per grandi eventi come Golden Globes, Oscar e Grammy, stavolta i più soddisfatti saranno stati i fan della prima ora della Germanotta, quelli che amavano i suoi travestimenti, il suo gusto talvolta discutibile, le sue provocazioni scioccanti come quella volta che agli MTV VMA 2010 vestì un abito fatto interamente di carne.

Ecco, stavolta non siamo arrivati a quel livello di estro, ma indubbiamente la scelta di spogliarsi di più outfit sul red carpet del Met Gala 2019 le ha assicurato il dominio dell’attenzione mediatica e una capacità di oscurare tutte le altre personalità presenti alla serata, perfino il collega Harry Style che pure ha rilanciato sfida importante: superare le distinzioni di genere in passerella.

Per il suo ingresso in scena, Lady Gaga ha puntato su un lungo abito rosa/magenta e un trucco dall’ampio uso di ciglia finte, trasformato poi con l’apertura di una cerniera un abito da sera nero con ampia gonna a palloncino e corpetto a cuore, che a sua volta ha lasciato spazio ad un tubino rosa shocking per poi restare in intimo con un completino e stivali. Un look 4 in 1 firmato dallo stilista e amico Brandon Maxwell.

Ecco uno splendido video che mostra l’intero show di Gaga sulla passerella del Met Gala 2019.

Tra le altre star della musica presenti all’evento, Jennifer Lopez ha puntato come sempre sulla sensualità di ampie scollature su seno, schiena e gambe, mentre Katy Perry si è vestita, letteralmente, da lampadario con un abito di Moschino. Le rapper rivali e nemiche Niki Minaj e Cardi B hanno puntato tutto sui colori: la prima con un abito rosa confetto, la seconda con una tempesta di piume e paillettes color vinaccio, entrambe con delle code piuttosto impegnative. Rita Ora ha puntato tutto sul color oro, mentre Dua Lipa ha scelto un look supercolorato.

Jared Leto, testimonial di Gucci, ha indossato sostanzialmente se stesso: il cantante e attore è arrivato con la propria testa in mano a mo’ di pochette, come accessorio decisamente ingombrante e autoriferito. Ma d’altronde il tema Camp: Notes on Fashion si riferiva al concetto di amore per la stravaganza, la teatralità e la rottura dei canoni tradizionali, ispirato ad un saggio di Susan Sontag del 1964 sul tema della “passione per l’innaturale, il fantasioso e l’esagerato“, come ha spiegato il curatore Andrew Bolton.

Come già annunciato, invece, Harry Style ha scelto uno stile androgino per il suo arrivo al Met Gala 2019: l’ex One Direction, noto attivista per i diritti della comunità LGBTQ, ha voluto interpretare il concetto di stravaganza come abolizione degli stereotipi e dei confini di genere nella moda, indossando una tuta nera con trasparenze in pizzo, gioielli, tacchi e smalto bicolore. Un look segno dei tempi, per citare la sua hit più celebre.

Paradossalmente, la più sobria è stata la solitamente provocatoria Miley Cyrus, che si è presentata in un minidress nero e verde accanto al marito, l’attore Liam Hemsworth.

View this post on Instagram

@ysl @anthonyvaccarello

A post shared by Miley Cyrus (@mileycyrus) on

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.