In fiamme il Samsung Galaxy S10 5G: paragonabile al Note 7?

Finisce in fiamme il Samsung Galaxy S10 5G: ecco quanto si è verificato in Corea del Sud

5
CONDIVISIONI

Comincia a prendere fuoco il Samsung Galaxy S10, in versione 5G: il dispositivo, stando a quanto riportato su ‘indianexpress.com‘, è stato avvolto dalle fiamme, come attesta l’immagine di anteprima dell’articolo. Il problema sarebbe da ricercarsi nella batteria, visto il rigonfiamento riscontrabile lungo il vano posteriore (un po’ come fu per il Note 7). Il Samsung Galaxy S10 5G è stato da poco commercializzato in Corea del Sud, dove sta riscuotendo anche un certo successo, in attesa di varcare anche i confini europei.

L’unità in questione, posseduta da un tale signor Lee, ha dapprima emanato un odore sgradevole di bruciato, per poi prendere progressivamente fuoco nel giro di pochi secondi. L’episodio è stato posto all’attenzione del colosso di Seul, che ha svolto subito tutte le indagini del caso per chiarire le cause dell’accaduto. Il team di competenza ha affermato che non si è trattato di un difetto di fabbrica del dispositivo (è quello che vogliamo sperare): il tutto sarebbe scaturito da un uso improprio che il proprietario ne avrebbe fatto, almeno stando a quanto dichiarato dai periti al servizio del produttore asiatico. L’OEM avrebbe visto dietro questa denuncia il tentativo di ottenere un risarcimento danni, facendo leva su quanto accaduto nel recente passato con il Note 7.

Potrebbe trattarsi di un caso isolato, ma capiamo bene il timore di quelli che nutrono una certa diffidenza. Attualmente la società sudcoreana è alle prese anche con l’ottimizzazione del Samsung Galaxy Fold, il primo smartphone pieghevole della compagnia, dimostratosi non all’altezza delle aspettative quanto a qualità costruttiva (le unità spedite a stampa ed altri recensori non hanno per niente soddisfatto per la presenza di alcuni problemi relativi al display). Speriamo che quello del Samsung Galaxy S10 5G non diventi un caso: vi terremo costantemente aggiornati sullo sviluppo della vicenda.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.