Via alla patch di aprile per il Samsung Galaxy S9 Vodafone: tutto su G960FXXU3CSD4

Tutti i dettagli raccolti fino a questo momento per il nuovissimo aggiornamento rilasciato il 29 aprile

9
CONDIVISIONI

Dopo una lunga attesa, la situazione qui in Italia si sta sbloccando anche per coloro che si ritrovano con un Samsung Galaxy S9 brandizzato Vodafone, almeno dal punto di vista dello sviluppo software. Questo lunedì, infatti, è stata avviata la distribuzione dell’aggiornamento di aprile, con cui finalmente faremo un passo in avanti sotto questo punto di vista. Sì dà finalmente continuità rispetto a quanto riscontrato poche settimane fa coi modelli no brand, come avrete notato dal nostro articolo di metà mese.

Quali sono le aspettative nei confronti di questo nuovo aggiornamento per chi dispone di un Samsung Galaxy S9 Vodafone? Non aspettatevi rivoluzioni, almeno stando alle indicazioni emerse fino a questo momento con gli stessi smartphone no brand. Tramite la patch in questione, il cui peso dovrebbe essere di poco superiore ai 100 MB, non dovrebbero essere aggiunte nuove funzionalità, anche se non possiamo mai escludere sorprese fino a quando non si passerà dalla teoria alla pratica.

Di sicuro c’è che la situazione si stia sbloccando anche per chi dispone di un Samsung Galaxy S9 brandizzato, in attesa di potervi dare notizie anche sui modelli brandizzati TIM. Ovvero l’altra versione assai popolare in Italia per il top di gamma commercializzato poco più di un anno fa. Difficile prevedere se e quale tipo di impatto ci possa essere per lo smartphone dal punto di vista della durata della batteria con una patch di questo tipo.

Al momento della pubblicazione dell’articolo risulta disponibile l’apposito link al download, in attesa che la piena distribuzione sui Samsung Galaxy S9 Vodafone ci faccia risalire a qualche informazione extra sul nuovo aggiornamento G960FXXU3CSD4. A voi è arrivato? Nel caso, commentate l’articolo qui di seguito con le prime impressioni maturate sul campo.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.