Davvero possibile il trillo su WhatsApp come per MSN Messenger? Cosa non bolle in pentola

A molti piacerebbe il ritorno del caro e vecchio trillo ma nessuna notizia concreta al riguardo

7
CONDIVISIONI

Non è la prima volta che sulle nostre pagine si parla di possibile utilizzo del trillo su WhatsApp, per intenderci quella fastidiosa e rumorosa vibrazione tanto amata e odiata sul servizio chat per antonomasia, MSN Messenger. Chi, con qualche anno in più e non certo un adolescente, non ricorda la famosa funzione che consentiva e non poco di catturare l’attenzione di un interlocutore? Sono proprio questi nostalgici forse a sperare che ci sia un ritorno di fiamma dello strumento, viste le molte news in circolazione in queste ore sull’argomento: queste ultime, fino a prova contraria, vanno tuttavia smentite perché (purtroppo per alcuni) non corrispondenti al vero.

Circa un anno fa, avevamo già esaminato la questione trillo su WhatsApp dopo una medesima ondata di presunte indiscrezioni al riguardo. Si parlava di fase alpha (e neanche beta) di sviluppo della novità per l’applicazione di messaggistica più utilizzata al mondo. Il rumor faceva riferimento anche ad un presunto mese di lancio  del nuovo strumento previsto per aprile 2018 e non certo 2019. Cosa è successo da allora? Esattamente nulla e nessun cambiamento a tal proposito è giunto per il servizio. A dirla tutta, le notizie in circolazione in queste ore mostrerebbero le stesse medesime informazioni riportate all’incirca 12 mesi fa, con il riferimento alla sempre presunta fase alpha di sviluppo.

Già ad inizio 2018, sempre in riferimento alla funzione trillo su WhatsApp avevamo riportato le ultime dichiarazioni di WABetaInfo, un informatore più che autorevole su tutte le novità relative appunto all’applicazione di messaggistica. In quell’occasione, il noto e seguitissimo leaker non aveva affatto esitato nel bollare la notizia come una vera e propria fake news o meglio una bufala, per dirla all’italiana. Da allora, proprio l’esperto non è mai ritornato sull’argomento: ha svelato una serie innumerevole di anticipazioni  sul servizio di comunicazione, non da ultima la prossima integrazione degli sticker animati in app , ma di trilli e affini neanche l’ombra. Difficilmente una novità di così importante rilievo potrebbe sfuggire ad un personaggio del calibro di WABetaInfo; come per dire, se da parte sua non c’è alcun annuncio in merito, difficilmente assisteremo a qualsiasi cambiamento nel breve periodo. Chissà magari in futuro, ma neanche tanto prossimo.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.