Sta arrivando anche per Huawei Mate 10 Lite l’aggiornamento B341 di aprile: prime news

Importanti novità per lo smartphone Android oggi 25 aprile. Riepiloghiamo le informazioni fino a questo momento disponibili

22
CONDIVISIONI

Ci vorrà del tempo prima che si possa toccare con mano l’aggiornamento con Android Pie ed EMUI 9 per Huawei Mate 10 Lite, nonostante nelle ultime settimane siano arrivate conferme ufficiali importanti sotto questo punto di vista, ma al contempo non si arresta lo sviluppo software di uno smartphone molto apprezzato in Italia e nel resto d’Europa. Mi riferisco alla patch B341, con cui dovremmo toccare con mano nuove ed importanti migliorie per il dispositivo.

Secondo quanto riportato da Huawei Blog, infatti, la distribuzione del pacchetto software è ufficialmente iniziata scattata in Germania e a strettissimo giro sarà disponibile per tutti i possessori di un Huawei Mate 10 Lite. Anche quelli brandizzati che sono in commercio in Italia con qualche brand. Il motivo? Si tratta della patch di aprile, concepita almeno sulla carta solo per migliorare la sicurezza del dispositivo, ragion per cui dal punto di vista server non dovrebbero esserci particolari problemi.

Dalle informazioni raccolte tramite la suddetta fonte, come sempre in primissima linea al momento della distribuzione di un nuovo aggiornamento per modelli simili, il firmware B341 per Huawei Mate 10 Lite dovrebbe avere un peso di poco superiore ai 100 MB. Per questo motivo non ci sono i presupposti per aspettarsi una rivoluzione una volta installato il pacchetto software, almeno stando alle informazioni sulla carta.

Vi ricordo che, come accennato ad inizio articolo, lo stesso Huawei Mate 10 Lite nelle prossime settimane riceverà finalmente l’aggiornamento con EMUI 9. Avremo questa svolta attesissima con la patch di maggio? Impossibile da dire, considerando il fatto che il produttore ad oggi non ha ancora fornito tempistiche approssimative per il rollout. Continuate a seguirci per ottenere tutte le informazioni del caso per gli upgrade dello smartphone, soprattutto in ottica Android Pie stando a questi presupposti.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.