Valori SAR e cancro: quant’è pericoloso il nostro smartphone?

Uno sguardo più attento al significato del valore SAR: rischio cancerogeno effettivo, o dati puri e semplici?

14
CONDIVISIONI

Qualche giorno fa vi avevamo parlato dei rischi generati da un’insistita esposizione al Wi-Fi: quest’oggi riprendiamo il discorso in merito ai valori SAR dei vari smartphone. A riguardo l’OMG (Organizzazione Mondiale della Sanità, ndr.) non ha ancora trovato effettivi riscontri che possano stabilire senza ombra di dubbio che le onde elettromagnetiche prodotte dai dispositivi portatili siano alla base di una maggiore insorgenza di tumori al cervello, ed in altre parti del corpo. La comunità scientifica internazionale, nella sua interezza, non ha fin qui potuto dimostrarne la correlazione diretta, non essendo state capace di fornire prove inconfutabili a riguardo. Lo IARC (International Agency for Research on Cancer, ndr.) non ha fatto altro che classificare, in via del tutto cautelativa, l’esposizione alle onde radio come ‘potenziale cancerogeno‘, di cui farebbero eccezione i ripetitori destinati alla telefonia (capiamo bene quanto il rischio, quindi, cali inesorabilmente).

Che dire del 5G? Si parte dal 2G, che lavora su frequenze comprese tra i 900 ed i 1800 MHz, per arrivare al 4G LTE (tra 800 e 2600 MHz): attività che al più può generare calore, ma non danni effettivi ai nostri tessuti. In generale, i dispositivi mobili acquistabili sul mercato italiano rientrano nei valori massimo di 8 Watt/KG e 2 Watt/KG, rispettivamente per il corpo e per la testa. Nulla da eccepire contro il 5G, nonostante siano molti i detrattori a remare contro la nuova tecnologia: le frequenze saranno sì più elevate (qualche decina di GHz in più), ma, al netto dell’incremento delle postazioni delle antenne, la pericolosità non è stata confermata (ve ne abbiamo parlato anche in questo articolo dedicato). Del resto, tali frequenze non riescono a penetrare facilmente attraverso muri ed altri paletti, figurarsi all’interno del corpo umano.

Del SAR (Specific Absorption Rate, ndr.) possiamo dirvi è il valore descrivente la quantità di energia elettromagnetica assorbita dal nostro organismo nel momento in cui il corpo viene esposto ad un campo elettromagnetico. I test condotti dai vari ricercatori, pur dimostrando una qualche correlazione con l’insorgenza di patologie neoplastiche, non possono considerarsi del tutto attendibili, in quanto simulazioni di una realtà molto lontana dalla nostra. I valori devono fare i conti anche con la sensibilità soggettiva di ciascun individuo, considerando anche che l’emissione può variare sulla base delle banda su cui il dispositivo sta operando. Non c’è di che preoccuparsi: abbiamo già affermato che tutti gli smartphone in commercio rientrano in valori SAR al di sotto della soglia di pericolosità.

Detto questo, sarebbe sempre meglio optare per le classiche misure cautelative: utilizzare il device in vivavoce, oppure preferire l’impiego di auricolari con cavo; cercare di spostare il terminale dall’orecchio sinistro a quello destro, ad intervalli regolari, ed evitare di andare a dormire con il device vicino alla testa. Ovvio che i soggetti più bisognosi di cure ed attenzione da parte degli adulti siano i più piccoli, che troppo spesso vengono lasciati liberi di fare un utilizzo spropositato dello smartphone dei genitori (pratica potenzialmente nociva, e del tutto diseducativa, cui molti ricorrono per tenere a bada i loro bambini). Siete d’accordo con noi, oppure credete che la questione sia del tutto sopravvalutata? Fatecelo sapere lasciando un commento all’articolo.

Commenti (5):
Samanta

L’inquinamento elettromagnetico è ormai inarrestabile,ma se ci impegnamo a non farlo progredire possiamo fermarlo e salvarci la Vita tutti! STOP 5G VIA ANTENNE DI TELEFONIA A 50 METRI DALLE ABITAZIONI E SOPRA LE CASE LE DISTANZE SONO FONDAMENTALI PIÙ DI 80 METRI DALLE CASE CIVILI E FUORI DAI CENTRI ABITATI,WI-FI AL CHIUSO LUOGHI GRATIS DOVE RECARSI E CONNETTERSI. VIA DALLE TESTE DEI MALATI E DEI BAMBINI CHE NON VOGLIONO E NON POSSONO ESSERE IRRADIATI,OSPEDALI E REPARTI DI NEUROLOGIA: il “fondo elettromagnetico naturale” generato dal pianeta Terra è rimasto praticamente immutato fino a 100 anni fa, quando è aumentato di milioni di volte e sicuramente la nuova tecnologia 5G aumenterà le emissioni con una diffusione capillare. L’evidenza accertata da una letteratura che dispone di oltre 10.000 studi peer-reviewed parla di danni a DNA e di prove sperimentali che indicano che cancro, malattie cardiache e diabete possano essere in gran parte causate dall’inquinamento elettromagnetico. Gli studi del National Toxicology Program e dell’Istituto Ramazzini, evidenziano un maggior rischio sia per i tumori alla testa sia per gli schwannomi, che sono tumori cardiaci.

Il 5G ma anche in generale tutte le onde elettromagnetiche danneggiano anche animali e vegetali. Questo studio del 2010 ha dimostrato che le foglie di pioppi esposti a RFR presentavano sintomi di necrosi, mentre uno studio armeno suggeriva la causa di MMW a bassa intensità “variazioni dello spettro dell’isoenzima perossidasi” una cattiva notizia per noi: potrebbe danneggiare il nostro cibo.

– 180 scienziati da 37 paesi hanno richiesto all’Unione Europea di fermare lo sviluppo della tecnologia 5G e che si studino i rischi per la salute per i cittadini. Una richiesta a cui si è unita anche l’ISDE Italia, l’International Society of Doctors for the Environment. «Le evidenze che stanno venendo fuori dalla sperimentazione del 5G sono preoccupanti. Sono state segnalate alterazione dell’espressione genica, effetti sulla pelle, effetti sulla proliferazione cellulare, sulla sintesi di proteine, sui processi infiammatori», dichiara il dottore Agostino Di Ciaula, internista della ASL Barletta-Andria-Trani e Segretario Scientifico e Presidente del Comitato Scientifico ISDE.

Pf

Articolo palesemente finalizzato al marketing.
I rischi sono più che tangibili e la salute è in grave pericolo, soprattutto per le nuove generazioni.
La cosa peggiore è che ci vengano imposti senza avere facoltà di scelta.
Una condanna a morte.

    samanta

    cara scrittrice lei non sa nemmeno cosa sta dicendo studi cose concrete e non forviate dai mercati di telefonia. vallo adire agli elettrosensibili e malati costretti a subire dolori atroci alla pelle anche oggi solo andando al mare con irradiazioni 5g, non è vero che le emissioni non ionizzanti non entrano nelle cellule, per quale motivo non vi mettono a conoscenza del SAR CORPOREO E CELEBRALE UMANO che è di 0,2w/m i limiti di legge ti impongono di subire dieci volte di più di quello che puoi assorbire nel tempo i valori attuali di limite è 6w/m ALTISSIMO dovrebbero abbassarlo a 3w/m anche troppo. pensate che lo vogliono alzare per 5g così quando vi ammalerete potranno portarvi per il sedere dicendo che siete dentro i limiti di legge, nonostante che dovrete portarvi la malattia a vita con dolori atroci chiedete agli elettrosensibili studiate la patologia e sentite chi non ha interesse economico a medici che non sono dietro a politiche falsate, non è vero che il 5g non entra nelle mura delle vostre case entra e come e si somma al wi-fi hai cellulari che avete alla linea della luce dentro casa hai vicini con dispositivi wireless connessi e voi inconsapevolmente anche quando dormite friggete molto lentamente nei rispettivi appartamenti microonde millimetriche che agiscono sulla vostra acqua corporea e organi interni, studiare queste cose non vi porterà via molto tempo.
    scegliete se bruciare l’aria con microonde millimetriche neurotossiche per la telefonia vi conviene loro prenderanno in cambio la vostra salute, poi non andate dal medico dicendo di avere malditesta cronici, perché le patologie neurologiche ne sono molte patologie a livello endocrino moltissime scheletriche uditive visive.
    le tecnologie da mandare avanti sono quello non tossiche non nocive non quelle che corrono per onde radio e microonde ma quelle meritevoli di investimenti che non portano radiazioni di alcun tipo le informazioni di dati passano anche per via luce li-fi via cavo con cablazione di tutti gli appartamenti con la vera linea fibra ottica no quella finta che vi fanno credere che passa da onde wi-fi cancerogeno anche a piccole emissioni.
    Scegliete se farvi ancora prendere in giro dalle pubblicità stupende come appaiono ma sappiate che se da una parte prendono prenderanno anche dall’altra e la vostra stessa salute. le onde elettromagnetiche non si vedono non si sentono ma ti uccidono in maniera subdola, non avete la percezione ma il corpo accusa sente molto bene fino a sfociare a patologie non reversibili ad aggravamenti dei già malati dei nostri cani e gatti con sentori molto più sviluppati li indurrete a dolori e comportamenti che non saprete dare spiegazioni al momento perché non riuscirete a capire. non è vero che non passa tra le nostre carni ci passa e come sommata per il vostro tempo uguale a patologie sicure! cara scrivente di questo articolo falsato la gente non è scema pubblichi cose senza interessi economici sotto.
    Questo commento non turba la sensibilità degli utenti ma qualche incazzatura per la presa per il sedere dei midia i soldi non sono tutto signori, tutelate i vostri figli il vostro futuro la vostra salute la vostra aria la vostra terra, inutile riuscire a togliere veleni dalle vostre tavole se vi riempite l’aria di irradiazioni neurotossiche le vostre esistenze per un giocattolo che tenete in mano. Studiare queste cose su seri libri non vi porterà via molto tempo. Saluti

      Bob

      RESPIRA. Ma ti rendi conto di quello che hai scritto? Dimmi solo se te ne rendi conto. Le tue parole sono intrise dalla PARANOIA più totale. La signora a cui hai risposto non ti stava dando neanche torto tra l’altro. Un’esagerazione infinita.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.