Alessandro Borghi di Suburra La Serie sbarca su Mediaset con Napoli Velata: i dettagli sulla programmazione

177
CONDIVISIONI

Alessandro Borghi di Suburra La Serie è pronto a sbarcare su Mediaset con il suo film “Napoli Velata” al fianco di Giovanna Mezzogiorno. Dopo il successo ottenuto al Cinema per la firma di Ferzan Özpetek, il mistery a tinte melò è pronto a sbarcare anche su Mediaset Premium a partire da venerdì 26 aprile quando alle 21.15 andrà in onda su Cinema sia sulla piattaforma del Biscione che su Sky.

La trama di Napoli Velata recita:

“Adriana, un medico legale che nasconde un passato violento, viene inconsapevolmente coinvolta in un brutale delitto. La vittima è Andrea, un uomo affascinante con cui ha trascorso una sola ed intensa notte di passione. Sconvolta dal mistero che avvolge l’omicidio, si impegna a collaborare per trovare l’assassino, mentre grotteschi personaggi e inquietanti dettagli emergono in una Napoli che sembra voler nascondere ad ogni costo i suoi più angoscianti segreti”.

Il film sarà poi in replica il giorno dopo, sabato, alle 13:15, lunedì alle 22.52 e martedì 30 aprile alle 15.43. Naturalmente la pellicola sarà disponibile nella sezione on demand della piattaforma e sarà in replica nei giorni seguenti fino al suo arrivo in chiaro, molto probabilmente nel prime time di Canale 5.

Il capolavoro del regista turco ha ricevuto 11 candidature ai David di Donatello, vincendone 2, e si è aggiudicato un premio ai Nastri d’Argento, e al Box Office ha racimolato più di 5 milioni di euro nel primo mese di programmazione. La pellicola è stata sicuramente quella che ha sancito, di fatto, il salto di qualità di Alessandro Borghi che da volto di Suburra il film è passato alla serie e tra le promesse del cinema italiano. Per Giovanna Mezzogiorno è l’ennesima conferma della sua intensità e della sua bravura, su questo sicuramente non c’erano alcun dubbio ancora prima di Napoli Velata.

Ecco il trailer del film:

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.