Ricarica wireless anche su Huawei P30 a questo prezzo: quanto costa la cover ufficiale

Soluzione senza fili a portata di cover ma bisognerà spendere di più per uno specifico accessorio

7
CONDIVISIONI

Il Huawei P30 ha una marcia in più. Benché il suo hardware di base non gli consenta di garantire la ricarica wireless, una speciale cover ufficiale abilita la funzione come già comunicato dai vertici dell’azienda. Ora di questo speciale accessorio si conosce qualche dettaglio in più, compreso il prezzo (tutto sommato neanche troppo elevato).

Mentre il Huawei P30 Pro ha la ricarica wireless “di serie”, proprio sul corrispettivo standard del top di gamma di questo inizio 2019 i progettisti non avevano previsto per nulla la funzione. Il rimedio dunque è giunto dallo stesso produttore che ha pensato alla cover visibile ad inizio articolo, nelle colorazioni nero/arancio e nero/verde. All’apparenza questa accessorio può sembrare solo una custodia protettiva del device (solo un pochino più spessa  ma neanche troppo) ma alla fine dei conti abilita proprio la ricarica senza fili del device.

Qualche dettaglio di natura tecnica: la ricarica wireless sul Huawei P30 proprio con la cover in questione ha ottenuto una serie di certificazioni che ne garantiscono il funzionamento. La capacità di ricarica senza fili è di 10 W, per intenderci quella classica invece con il cavetto apposito è di di 22,5 W (in quest’ultimo caso, anche con supporto per la ricarica veloce).

Quanto costa dotarsi della cover ufficiale  che garantisce la ricarica wireless su Huawei P30? Per il momento siamo a conoscenza del prezzo cinese dell’accessorio pari a 229 yuan: al valore attuale della moneta asiatica,  il prezzo europeo sarebbe quello di 30,25 euro, una cifra tutto sommato non troppo esosa almeno per chi sente di non poter fare a meno proprio della funzione. Certo, per più di qualcuno, sarebbe stato decisamente preferibile una scelta progettuale ben diversa della stessa Huawei con l’abilitazione della modalità di ricarica appunto anche sulla variante standard del suo smartphone di punta e non solo su quello Pro. Si è trattato certo di una delle tante scelte oculate per differenziare le due varianti e di certo pure per  trarre un certo profitto dalla vendita dell’ulteriore componente. Sul lancio effettivo della cover in Europa speriamo di poter fornire ben presto nuove delucidazioni.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.