Principali differenze OnePlus 7 e OnePlus 7 Pro: non c’è storia

Il OnePlus 7 Pro migliore in tutto rispetto al OnePlus 7? Onleaks ne è convinto

3
CONDIVISIONI

Dovrebbero essere prossimi alla presentazione i OnePlus 7 e OnePlus 7 Pro, entrambi in presentazione il 14 maggio, almeno stando alle ultime indicazioni fornite dagli informatori. Ci ha pensato OnLeaks a rincarare la dose, facendo presenti altri dettagli che andranno a caratterizzare i due smartphone.

Il OnePlus 7 monterà uno schermo piatto da 6.4 pollici con notch al centro per l’integrazione della fotocamera frontale, ed una doppia fotocamera posteriore con un sensore primario da 48MP. Il OnePlus 7 Pro, invece, esibirà uno schermo curvo da 6.64 pollici, una fotocamera frontale a scomparsa ed una tripla fotocamera posteriore da 48MP (in abbinamento ad un teleobiettivo ed ad un sensore UltraWide).

Questo è quello che dovrebbe contribuire a differenziare, almeno in larga misura, i OnePlus 7 e OnePlus 7 Pro (il modello più succulento corrisponderà proprio a quest’ultimo, che dovrebbe pure essere dotato di connettività 5G, e quindi costare anche di più rispetto alla versione standard). Chiaro che saranno in molti a preferire il secondo esemplare, quello premium, anche se bisognerà prima toccare con mano il prezzo che il produttore cinese deciderà di applicargli (sappiamo che la vera forza di quella che fino a poco tempo fa era una start-up sta proprio nel grande rapporto qualità/prezzo dei suoi dispositivi: ci dispiacerebbe nel caso in cui l’azienda aumentasse a dismisura il costo di uno dei suoi due nuovi top di gamma, sebbene particolarmente all’avanguardia).

Vedremo quale sarà la prossima mossa del produttore cinese, arrivato ormai ad un punto di svolta della sua attività: è il momento di spiccare il volo, speriamo la compagnia sappia cogliere al balzo l’occasione che le si è dispiegata davanti. Voi cosa credete potrà succedere? Fatecelo sapere lasciando un commento all’articolo attraverso il box sottostante.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.