Matrimonio in arrivo in Gomorra 4? Abito bianco e sangue per il finale della stagione

Patrizia sposa Michelangelo? Genny potrebbe vedere i suoi piani svanire nel nulla per colpa di Enzo? Tutte le domande in attesa del ritorno di Gomorra 4

Se fino a questo momenti i primi episodi di Gomorra 4 hanno lasciato un po’ indeciso il pubblico che continua a dividersi tra “salto di qualità ed effetto Un Posto al Sole“, sembra che i prossimi chiuderanno il cerchio e regaleranno ai fan la tensione e i colpi di scena di sempre. In queste ore si fanno sempre più insistenti le voci che parlano di un matrimonio e di una resa dei conti ormai vicina e a trovarsi l’uno contro l’altro saranno Genny ed Enzo.

Gomorra 4 torna in onda proprio venerdì 19 aprile su Sky Atlantic con due nuovi episodi in cui sembra proprio che sarà Patrizia a dover fare i conti con un matrimonio che forse non avrebbe voluto, almeno non così presto. La gravidanza la terrà stretta ai Levante ma cosa succederà se ad un passo dall’altare Patrizia scoprirà di Nicola e la verità sul suo promesso sposo e padre di suo figlio? Già in passato i boss della serie non si sono mai fatti scavalcare da nessuno, sarà Donna Patrizia la prima a farlo per amore di un futuro diverso?

Sullo sfondo rimane l’ultimo scontro tra Enzo e Valerio. Quest’ultimo sembra stanco di stare a guardare e occuparsi solo del piccolo spaccio a Napoli centro e proprio la morte di Nicola potrebbe arrivare a rompere i suoi equilibri. Il giovane aveva chiesto loro aiuto ed Enzo gli disse no, ma cosa cambierà quando scoprirà la verità? Sarà lui ad arrivare ai Levante oppure no?

Proprio l’inizio di una possibile nuova guerra in città potrebbe rovinare i piani di Genny di una vita “normale” riportandolo indietro e chiudendo, a quel punto, i conti con Enzo, ma a quale prezzo e con la morte di chi?

Saranno gli episodi 7 e 8 a rispondere a qualche domanda ma per il resto dovremo attendere il gran finale della stagione.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.