Westworld 3 nel 2020, cosa sappiamo finora e cosa aspettarci dal futuro della serie

Anche se i dettagli narrativi restano top secret, possiamo fare alcune previsioni sulla terza stagione in base alle dichiarazioni dei produttori Lisa Joy e Jonathan Nolan.

Nonostante si trattasse di una notizia pressoché scontata, HBO ha deciso di annunciare ufficialmente che vedremo Westworld 3 nel 2020. Com’era ovvio, il drama fantascientifico ideato da Lisa Joy e Jonathan Nolan deve farsi da parte e lasciare che i riflettori illuminino l’ottava e ultima stagione de Il trono di spade, già in onda su Sky Atlantic.

La decisione di mandare in onda Westworld 3 nel 2020 ha senso anche in previsione della ricca e agguerrita stagione dei premi, che nei prossimi mesi vedrà assegnare Emmy Awards, Golden Globes, Critics’ Choice Awards e un’infinità di altre statuette. Avere Westworld fuori dalla corsa significa che gli eterni contendenti Evan Rachel Wood, Thandie Newton e Jeffrey Wright potranno lasciar posto alle inevitabili nomination dei soliti Kit Harington, Peter Dinklage & Co.

Ma tatticismi a parte, la decisione di programmare Westworld 3 nel 2020 è stata dettata anche dai tempi biblici di produzione della serie. Ci sono voluti tre anni perché venisse completata la prima stagione e la seconda è arrivata dopo un anno e mezzo, dunque non stupisce che i tempi siano tanto lunghi anche per la terza.


Come al solito, tutti i dettagli sono top secret. Le uniche novità sono state alcuni annunci sui futuri nuovi arrivi nel cast: Aaron Paul e Lena Waithe. Il primo – star di Breaking Bad e The Path e voce di Todd in BoJack Horseman – ha dichiarato di essere pronto a portare una ventata di emozione, pericolo, suspense e onestà in Westworld 3. La seconda – mente e cuore di Master of none e The Chi –, invece, ha mantenuto un riserbo totale sul suo personaggio.


Capire cosa succederà in Westworld 3 è tutto un gioco di teorie e supposizioni. È molto probabile che Dolores debba trascorrere del tempo nel mondo reale, considerata la sua fuga dal parco e la missione autoassegnata di carpire i segreti degli umani.

In secondo luogo, ci si aspetta di scoprire maggiori dettagli sui vari parchi della Delos. Non solo Westworld o Shogun, quindi, ma anche il Raj e almeno altri tre parchi dei quali non è ancora stata fatta menzione. A questo punto sorge il dubbio che lo stesso Westworld venga quasi del tutto messo da parte per spostare il focus su altri scenari.

Inoltre, secondo quanto dichiarato da Lisa Joy, è probabile che Dolores e Bernard entrino in qualche tipo di conflitto. D’altronde Dolores non è più la ragazzina docile e remissiva vista nel pilot della serie, mentre Bernard è per sua natura riflessivo e curioso, e le loro differenze potrebbero raggiungere un punto di massima opposizione. Potrebbero persino uccidersi tra loro. Ma lei ha capito che la libertà non nasce dalla mancanza di dissenso, dal dominio dittatoriale o totalitario di una serie di ideologie, quanto piuttosto da una pluralità di idee che talvolta possono entrare in conflitto. Ha imparato la lezione e quindi ha deciso di riportare Bernard in questo mondo perché possa controllarla, in qualche modo.

Infine, pare più che probabile che molti personaggi non torneranno sugli schermi insieme a Westworld nel 2020. Lo stesso Nolan sa che questa è una serie in cui sarebbe logico pensare alla possibilità di resuscitare qualsiasi personaggio con un backup digitale, ma il cast di Westworld è enorme e purtroppo alla fine della stagione dovremo dire addio a qualcuno. Tuttavia è sempre molto divertente stabilire chi resterà e chi andrà via.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.