Costi riparazione dei Samsung Galaxy S10: i prezzi per l’Italia

Una bella mazzata riparare i Samsung Galaxy S10 in Italia: meglio stare attenti prima

A quanto ammontano i costi di riparazione dei Samsung Galaxy S10? Le cifre sono alte, ma ragionevolmente in linea con quelle degli altri top di gamma (nonostante la fattura di questi dispositivi, rivestiti un po’ ovunque in vetro, dalla cornici molto sottili e con display forato per l’alloggio della o delle fotocamere frontali, a seconda del modello di cui si discute).

Come riportato da ‘DDay.it‘, le spese più ingenti sono quelle relative alla sostituzione dei display: 190, 240 e 255 euro rispettivamente per i Samsung Galaxy S10e, S10 e S10 Plus. Cambiare la batteria vi costerà decisamente meno: 65 euro per i Samsung Galaxy S10e e S10, 55 euro per i Galaxy S10 Plus. Le altre spese manutentive corrispondono per tutti e tre i modelli: sostituire la presa USB-C ha un costo di 65 euro, mentre ripristinare il vetro posteriore richiederà 75 euro. Le cifre più alte vi saranno richieste nel caso in cui a difettare sia la scheda logica dei dispositivi: 325 euro per Samsung Galaxy S10e, fino ad un massimo di 525 euro per quel che riguarda il Galaxy S10 Plus da 1TB di memoria interna (a quel punto, passato qualche tempo dall’acquisto ed essendosi nel frattempo anche svalutato il telefono, potreste anche decidere di lasciar perdere, e di investire questi soldi, in aggiunta a qualche altra centinaia di euro, su un prodotto nuovo).

In ogni caso, questi sono i costi di riparazione e di sostituzione delle parti richiesti per i Samsung Galaxy S10, S10 Plus e S10e (le spese più corpose sono relative alla sostituzione dello schermo, che troppo spesso viene danneggiato dagli utenti più distratti, o vittime di episodi del tutto accidentali). Fate la massima attenzione, proteggendo il vostro esemplare con cover siliconate e vetri temperati di buona fattura. Se avete qualche dubbio, chiedete pure a noi attraverso il box dei commenti.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.