Come impostare la modalità scura su Facebook Messenger, l’aggiornamento salva batteria del 16 aprile

Il risparmio energetico è un punto di forza della nuova funzione ma non solo

1
CONDIVISIONI

Gli utilizzatori incalliti di Facebook Messenger ringraziano per la nuova modalità scura in Facebook Messenger, ossia la funzione che consente di avere sfondo nero sotto le nostre chat sull’applicazione del social network. I motivi sono almeno due: intanto gli occhi si riposeranno e ancora la batteria del nostro smartphone ne gioverà eccome.

Da  più di qualche settimana, proprio la specifica modalità per Facebook Messenger era già in cantiere e attivabile dai più attraverso un semplice trucco, quello dell’invio di un emoticon con mezzaluna da parte di un contatto. Un’escamotage non complesso ma ufficioso che lascia spazio ora, al contrario, a ben altro, ossia al roll-out della novità attraverso l’opportuno aggiornamento lanciato dagli sviluppatori.

La distribuzione della modalità scura su Facebook Messenger è in pieno svolgimento proprio in questa mattinata del 16 aprile e più di qualche nostro lettore potrà immediatamente approfittarne nel seguente modo. Una volta aperta proprio l’app di messaggistica, bisognerà selezionare la foto in alto a sinistra che identifica il nostro profilo. Immediatamente compariranno le impostazioni del servizio e tra queste ce ne sarà una relativa proprio alla modalità scura che andrà “attivata” con uno switch verso destra, niente di più semplice.

Cosa fare se, operando nelle proprie impostazioni di Facebook Messenger, ancora non si visualizza l’apposita voce? Semplicemente attendere, nulla di più. Il rilascio della novità sarà graduale nelle prossime ore, indipendentemente dal fatto che si utilizzi l’app in questione su un dispositivo Android o anche su un iPhone. Resta chiaro come l’attivazione del “dark mode” sia più che utile per molti, una volta disponibile e dovrebbe di certo essere preferibile rispetto alla visione tradizionale con schermata bianca. Come già detto, in effetti, la vista risulterà ben meno affaticata, soprattutto nelle ore notturne e comunque nei luoghi scarsamente illuminati e pure la carica della batteria potrà essere risparmiata a dovere.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.