A 24 ore dai problemi WhatsApp, Instagram e Facebook: ipotesi sull’origine del down oggi 15 aprile

Si fa strada l'ipotesi di un attacco hacker, che al momento non trova ancora conferme ufficiali

3
CONDIVISIONI

Sono trascorse ormai 24 ore dal mega down che ci ha portati a parlarvi ieri 14 aprile dei problemi WhatsApp, Instagram e Facebook. Dopo aver aggiornato in tempo reale l’articolo, mentre le suddette piattaforme non funzionavano, in questi minuti ci si chiede cosa sia avvenuto, in quanto raramente tre servizi tanto popolari come questi sono finiti KO per tre ore contemporaneamente. Insomma, tutti vogliono vederci chiaro, a maggior ragione considerando il fatto che fino al momento della pubblicazione del nostro articolo non siano giunte comunicazioni ufficiali da parte di Zuckerberg e soci.

Proprio questo silenzio, effettivamente, alimenta dubbi e perplessità attorno ai problemi WhatsApp, Instagram e Facebook. Benché siano ormai superati, infatti, ci si chiede se un eventuale attacco hacker possa aver messo in pericolo la nostra sicurezza informatica. Per questo motivo, non sono isolati i casi di coloro che stanno cambiando le proprie password, al netto del fatto che dalle singole app non sia pervenuta una richiesta esplicita sotto questo punto di vista.

Quali sono le informazioni a nostra disposizione fino a questo momento? Praticamente nulle, almeno per coloro che sono ansiosi di risalire alle cause e alle origini dei problemi WhatsApp, Instagram e Facebook oggi 15 aprile. In effetti un approccio di questo tipo, dal punto di vista diplomatico, solleva discussioni. Quando ci sono stati imprevisti di natura tecnica, infatti, non sono mai tardate comunicazioni ufficiali in grado di fare chiarezza. Molto spesso anche a down in corso, come emerso a settembre del 2018 in occasione della vulnerabilità che colpì in quel frangente Facebook e tantissimi utenti cacciati fuori dal social network.

Qualora la problematica sia stata legata al cattivo funzionamento dei server, perché ancora adesso non abbiamo qualche informazione extra sulle ragioni specifiche che hanno generato il down? Quesito legittimo, così come quelli che stanno portando tanti utenti a dubitare che si sia trattato di un banale intervento di manutenzione. In quel caso, infatti, non avremmo mai assistito a tre ore di problemi WhatsApp, Instagram e Facebook, ma soprattutto avremmo ricevuto una comunicazione preliminare in grado di avvertire il pubblico.

Aggiungo anche che un intervento “voluto” da parte del team, magari per sistemare una serie di problematiche i si stavano accumulando, difficilmente lo avremmo registrato di domenica, quando con buona parte dell’utenza in relax si tende ad utilizzare maggiormente piattaforme di questo tipo. Tanti nodi da sciogliere e domande che probabilmente non hanno una risposta nemmeno all’interno di questi team, considerando il già menzionato avuto in passato dal punto di vista della comunicazione al cospetto di casi simili.

Ecco perché al momento l’ipotesi più accreditata è che dietro questi problemi WhatsApp, Instagram e Facebook ci siano per forza di cose potenziali attacchi hacker. Chiaro che in un contesto di questo tipo, prima di rendere pubbliche determinate informazioni, i tecnici dovrebbero farci sapere anche quali dati sono stati stati esposti a soggetti terzi. E forse è proprio in questo modo che si spiega il tempo che si sono presi per provare ad approcciare l’utenza nel modo giusto. Allo stesso tempo senza lasciare nulla al caso considerando la delicatezza dell’argomento.

Staremo a vedere se ci saranno novità importanti in questo senso nel corso delle prossime ore. Ovviamente, qualora dovessero emergere comunicazioni ufficiali sull’origine dei problemi WhatsApp, Instagram e Facebook, aggiorneremo in tempo reale l’articolo pubblicato, affinché tutti possano mettere a fuoco nel migliore dei modi quanto avvenuto tra ieri e oggi. Che idea vi siete fatti sotto questo punto di vista? Diteci pure la vostra se avete notato qualcosa di strano e ambiguo sulla vicenda.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.