In Major Crimes 6 iniziano le indagini sull’omicidio di Bonnie Pearl: anticipazioni 10 e 17 aprile

Un altro capitolo di Major Crimes 6 si apre questa sera su Top Crime

La seconda parte di Major Crimes 6 inizierà proprio oggi, 10 aprile, su Top Crime e si concluderà la prossima settimana, sempre mercoledì con gli ultimi due episodi dedicati alla “Teoria del complotto”. La Crimini Maggiori questa volta si troverà ad indagare sul caso di Bonnie Pearl e, in particolare sul suo omicidio soprattutto perché era un avvocato che si batteva per i diritti delle donne.

I suoi nemici erano molti visto che tutti coloro che avevano avuto a che fare con lei e si sono trovati dall’altra parte della barricata avrebbero avuto un movente per pensare alla vendetta. Nella prima parte di Teoria del complotto, la Crimini Maggiori indaga sull’omicidio iniziando proprio da mariti, amanti, datori di lavoro a cui aveva fatto sborsare milioni di dollari come risarcimento per le loro vittime ma il principale sospettato è Graig Curtis, il proprietario di una catena di ristoranti di successo a cui Bonnie stava facendo causa.

A quanto pare l’avvocato stava difendendo i diritti delle ragazze licenziate dalla catena di locali Tackless e quando si imbattono nel cadavere di Vanessa, una delle ragazze licenziate, si pensa subito ad un legame.

Le indagini in Major Crimes 6 andranno avanti negli ultimi due episodi dedicati a questo capitolo ovvero l’ottavo e il nono in onda il 17 aprile. Sarà a quel punto che le indagini portano alla luce i viaggi fatti da Bonnie Pearl in tutte le città in cui è presente uno dei locali della catena Tackles. La squadra riesce a risalire ad un’ex cameriera, Marisha Selby, che accetta di denunciare il suo stupratore, Bill Landon. Ma proprio questo non farà altro che peggiorare le cose tra morti, interrogatori falliti e minacce di cause milionarie. Cos’altro succederà?

Clicca qui per vedere il video promo degli episodi in italiano.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.