Il nuovo album degli AC/DC è in lavorazione, la conferma di un collaboratore

Il disco potrebbe includere alcuni riff registrati da Malcolm Young prima di morire

I rumors sul nuovo album degli AC/DC che si sono rincorsi negli ultimi mesi hanno finalmente trovato un senso. Mike Fraser è il loro storico collaboratore, ma come produttore ha anche firmato alcune opere dei Metallica, degli Aerosmith, di Melissa Auf Der Maur e di Joe Satriani. La sua notizia-bomba è arrivata ai microfoni di Jack The Bear, podcaster molto popolare negli Stati Uniti e finalmente è stato rotto il silenzio: la band australiana è chiusa in studio e sta lavorando sodo su qualcosa di nuovo: «Su cosa ne uscirà per il momento non posso dire nulla».

Le indiscrezioni hanno collocato gli AC/DC presso i Warehouse Studios di Vancouver, e addirittura vedrebbero l’intera formazione originaria della band impegnata nelle registrazioni. Oltre alla presenza del batterista Phil Rudd potrebbero esserci, addirittura, alcuni riff registrati da Malcolm Young prima della sua morte. L’ultimo album dei mostri di Back in black è “Rock or bust” (2014), seguito da un tour omonimo che ha visto Axl Rose dei Guns N’ Roses alla voce.

Il nuovo album degli AC/DC, quindi, non è più un mistero. Mike Fraser non è ancora autorizzato a sbilanciarsi su altre indiscrezioni, ma per i fan dei rockers australiani le sue parole sono preziose come l’oro. Da 5 anni i supporters attendono musica nuova, e non vi è rockstar che non si faccia attendere a lungo per offrire al pubblico del nuovo materiale: i Rammstein sono tra questi, ma i Tool hanno quasi battuto un record. La data d’uscita, la tracklist e la copertina del nuovo album degli AC/DC non sono ancora state rese note: la band si trova in studio di registrazione e sta lavorando su nuovi brani con la conferma e la supervisione del produttore Mike Fraser, con il quale ha pubblicato “The Razors Edge” (1990), “Stiff Upper Lip” (2000) e tanti altri dischi.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.