Ghali, Ex-Otago e Daniele Silvestri al concerto del Primo Maggio a Roma

I primi artisti che prenderanno parte al Concerto 2019.

Ghali, Ex-Otago e Daniele Silvestri sono tra i primi ospiti confermati per il concerto del Primo Maggio a Roma. L’evento si terrà il 1° maggio in Piazza San Giovanni in Laterano a Roma e accoglierà sul palco numerosi artisti del panorama musicale italiano. Gli hashtag legati all’evento sono #1M2019 – #UNPASSOAVANTI – #LAMUSICAATTUALE.

I primi nomi del cast della nuova edizione sono stati annunciati oggi. Ci saranno Ghali, Ex-Otago e Daniele Silvestri ma anche Carl Brave, La Municipal, La Rappresentante di Lista, Pinguini Tattici Nucleari e i Subsonica.

Il Concertone, promosso da CGIL, CISL e UIL, prodotto e organizzato da iCompany, anche per l’edizione 2019 presenterà una lunga maratona di musica dal vivo che verrà trasmessa in diretta da RAI 3 e Radio2.

La scorsa edizione ha segnato un record con 16,8 milioni di contatti unici TV e la “media share” della diretta su Rai 3 ai massimi storici. Anche quest’anno l’evento punta sulla musica attuale e sulle proposte più interessanti della scena musicale italiana contemporanea e nei prossimi giorni verranno svelati tutti gli ospiti che andranno a comporre il cast della nuova edizione.

Nel giorno della Festa dei Lavoratori, il Concerto del Primo Maggio di Roma è l’evento per eccellenza che raduna centinaia di migliaia di persone tra quelle che raggiungono la Piazza di San Giovanni in Laterano pronti a prendere parte alla lunga maratona musicale e coloro che invece seguono lo spettacolo in TV e via radio nella lunga diretta dal pomeriggio alla sera.

Il concerto del Primo Maggio di Roma consente agli emergenti di ottenere uno spazio su uno dei palchi più ambìti della penisola, in un grande evento di rilievo nazionale, attraverso il contest 1MNext in corso di svolgimento. Tra gli artisti giunti in finale c’è anche Federico Baroni, fresco del rilascio del suo primo album di inediti, Non Pensarci.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.