Disponibilità Huawei Mate X: data di vendita ed alcune riflessioni

Arrivano notizie sulla disponibilità nei negozi del Huawei Mate X: siete tra quelli che l'hanno adocchiato?

13
CONDIVISIONI

Se stavate solo aspettando di sapere quando sarebbe stato disponibile il Huawei Mate X, primo smartphone pieghevole del colosso di Shenzen, tra l’altro dotato di tecnologia 5G, sappiate che il momento pare ormai essere vicino. Presentato al MWC 2019 di Barcellona, era stato fissato il lancio del device nella seconda parte dell’anno. Adesso il pieghevole è stato inserito nel sito ufficiale del produttore, come riportato da ‘gizmochina.com‘: questo significa che risulterà disponibile a partire da giugno 2019, ad un prezzo indicativo di 2299 euro (circa 2580 dollari, un costo relativamente più alto rispetto ai 1980 dollari richiesti per l’acquisto del Samsung Galaxy Fold, in vendita a partire da questo mese).

Il Huawei Mate X si caratterizza per l’inclusione della ‘Falcon Wing Design‘ (costituita da oltre 100 componenti diversi, a garanzia dell’affidabilità e della resistenza del dispositivo, che potrà essere piegato e ripiegato tutte le volte necessarie, senza per questo correre il rischio di andare incontro a rottura), una speciale cerniera che consente al device di spiegarsi completamente, senza che venga reso visibile alcuno spazio. Il corrispettivo modello griffato Samsung pure è stato concepito col chiaro intento di durare nel tempo, come dimostrano i 500 mila piegamenti di cui si è reso protagonista in un video particolare (ve ne abbiamo parlato in questo articolo qualche giorno fa, volto ad anticipare l’ormai imminente debutto commerciale del dispositivo).

Il terminale è dotato di un ampio schermo da 8 pollici con risoluzione di 2480 x 2200 pixel ed aspect-ratio di 8:7.1. Una volta chiuso, il device mostra un doppio display: su di un lato da 6.6 pollici con risoluzione di 2480 x 1148 pixel (aspect-ratio di 19.5:9), e dall’altro da 6.38 pollici con risoluzione di 2480 x 892 pixel (aspect-ratio di 25:9). Il device è spinto dal processore Kirin 980, con 8GB di RAM E 512GB di memoria interna. Il Huawei Mate X include il supporto DualSIM (solo nano), di cui solo la SIM 1 supporta la connettività 5G (il secondo slot è utilizzabile anche per espandere la memoria attraverso la scheda NM proprietaria, fino ad un massimo di ulteriori 256GB). Sul retro del device sono presenti tre fotocamere: un wide-angle da 40MP, un ultra-wide angle da 16MP ed un teleobiettivo da 8MP. L’equipaggiamento software prevede l’innesto della più recente EMUI 9.1.1, basata su Android 9.0 Pie. Non mancano le connettività NFC, dual-frequency GPS, Bluetooth 5.0, Wi-Fi 802.11ac, USB-C. Due le batterie integrate, per una capacità totale di 4500mAh, compatibile con la tecnologia SuperCharge a 55W (da 0 a 85% in 30 minuti).

Tenete presente che il Huawei Mate X non è che il primo smartphone pieghevole del colosso cinese, che avrebbe in mente obiettivi più che ambiziosi per il futuro: l’intenzione è quella di alimentare il segmento con prodotti ancor più rivoluzionari, come appreso dalla recente intervista rilasciata da Richard Yu, CEO aziendale (in cui si parla di possibili restringimenti del campo per poter sfornare device dalle dimensioni più contenute di quelle del Huawei Mate X, prossime alla diagonale del P30 Pro). Si è arrivati perfino ad ipotizzare che da qui al 2021 il 50% della produzione smartphone relativamente ai top di gamma sarà di tipo pieghevole (cosa tutta da appurare e che essenzialmente dipenderà dal tipo e dalla quantità di pubblico interessato a questo genere di smartphone, che restano comunque molto particolari, forse anche di nicchia). Investirete i vostri soldi su questo prodotto, o magari preferite puntare sul Samsung Galaxy Fold, che costa anche qualcosa di meno? Fatecelo sapere attraverso il box dei commenti sottostante.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.