Il nuovo album di Piero Pelù includerà dei duetti, Manuel Agnelli tra gli ospiti

Il rocker fiorentino riprende la sua carriera solista, rimasta ferma al 2008 con "Fenomeni"

Le indiscrezioni sul nuovo album di Piero Pelù, di nuovo sulla strada della carriera solista, riprendono dopo la sua partecipazione al programma Ossigeno di Manuel Agnelli. Il frontman dei Litfiba ritorna in studio da solo dopo il 2008, anno in cui uscì il suo ultimo album “Fenomeni” dopo il quale riaprì la parentesi con la sua band storica. Proprio in occasione dello show andato in onda su Rai3, durante il quale ha cantato la storica Pugni chiusi dei Ribelli di Demetrio Stratos, Piero Pelù ha annunciato che il frontman degli Afterhours sarà tra gli ospiti del suo nuovo disco, sul quale è al lavoro da diversi mesi e per il quale afferma di aver riscoperto nuove energie.

Durante la sua carriera solista Piero Pelù, instancabile animale da palco, ha firmato brani come Bomba boomerangToro locoIo ci saròBene bene male male e ha duettato con Anggun per L’amore immaginato. A gennaio i suoi musicisti – i “Bandidos” – avevano annunciato che erano già iniziate le fasi di registrazione. Come lo stesso rocker fiorentino aveva fatto trapelare dai suoi profili social, il nuovo disco includerà brani inediti e duetti con amici, colleghi e altri artisti. Di tanto in tanto, infatti, il nuovo album di Piero Pelù si scompone in una serie di indizi che ora diventano “robe molto eccitanti” e ora si configurano in una piccola clip con pochi secondi di audio.

Per il momento non è dato conoscere la data d’uscita, il titolo del disco e altri dettagli sul nuovo lavoro in studio del frontman dei Litfiba, ma dalle anticipazioni offerte dall’artista si può parlare di un disco interessante e atteso. Manuel Agnelli, per ora, è l’unico ospite che sarà presente nel nuovo album di Piero Pelù di cui è stato rivelato il nome, mentre tutte le altre informazioni sono ancora avvolte nel mistero.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.