Lo strano caso di Dragon Age 4, annunciato senza il consenso di EA?

Il publisher è dovuto correre ai ripari per salvare la faccia?

Un po’ tutti sanno che BioWare ha annunciato Dragon Age 4 dal palco dei Game Awards 2018. Pochissimi invece sono a conoscenza del fatto che la software house canadese avrebbe alzato il sipario sul prossimo capitolo della saga GDR senza aver prima interpellato il publisher Electronic Arts. Nulla di certo o confermato, sia chiaro, ma si tratta di una notizia messa in luce da un recente report del sito Venturebeat.

Ricorderete che in passato – era novembre dello scorso anno – il general manager di BioWare Casey Hudson aveva pubblicato un post sul blog ufficiale della compagnia, rivelando che novità sul futuro di Dragon Age sarebbero arrivate il mese successivo. La dichiarazione avrebbe sorpreso il publisher, costringendo il colosso EA a mettere in piedi un teaser trailer in fretta e furia. Lo stesso filmato che abbiamo visto proprio in occasione della kermesse tenutasi a Los Angeles. L’obiettivo era naturalmente quello di evitare di perdere credibilità nei confronti della grande community legata al brand ruolistico.

Quella stessa community che attendeva da tempo notizie su Dragon Age 4, considerando che il terzo capitolo, il controverso Dragon Age Inquisition, è uscito nel relativamente lontano 2013. Non è chiaro cosa abbia spinto Hudson a comportarsi in questo modo, ma l’ipotesi più probabile è che il responsabile dello studio volesse solamente rendere nota l’esistenza di un nuovo Dragon Age dopo anni di silenzio. Giocoforza, Electronic Arts ha dovuto assemblare velocemente degli assets da dare in pasto ai fan e agli esperti di settore. Così come alla stampa, sia generalista che specializzata.

Al momento le informazioni su Dragon Age 4 sono molto scarse, se non assolutamente nulle. Quel che è certo è che il progetto è in cantiere, e dovrebbe condividere alcuni elementi grafici già visti in Anthem, degli stessi autori. La speranza è di poter vedere il titolo al prossimo E3, fissato per giugno tra le luci e i colori della Città degli Angeli.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.