Undici titoli nella tracklist del nuovo album di Fabrizio Moro, Figli di nessuno è atteso per il 12 aprile

Finalmente svelata la tracklist del nuovo album di Fabrizio Moro con 11 brani.

3
CONDIVISIONI

Sono undici i titoli nella tracklist del nuovo album di Fabrizio Moro, quello che il cantautore romano spedirà sul mercato a cominciare dal 12 aprile. Già rilasciato il singolo apripista, individuato in Ho bisogno di credere e approdato in radio dal 15 marzo scorso.

Si inizia con la title track, Figli di nessuno, per continuare fino alla conclusione delle tracce che si chiudono con Quando ti stringo forte. Ho bisogno di credere è invece il titolo numero 4 del nuovo album di Fabrizio Moro, quello che darà un seguito a Pace, rilasciato nel 2017 a seguito della partecipazione al Festival di Sanremo.

Il 2018 è stato invece l’anno di Parole, Rumori e Anni, che l’artista di San Basilio ha pensato per la calata al Teatro Ariston che ha calcato in duetto con Ermal Meta in Non mi avete fatto niente. Il brano, nonostante il rischio squalifica per presunto plagio, si è classificato al primo posto.

L’artista ha inoltre realizzato il sogno di suonare allo Stadio Olimpico, con il concerto che ha riservato per la curva nel giugno del 2018, oltre a essere tornato sul palco del Festival di Sanremo per supportare Ultimo nella serata dei duetti con una versione a due voci di I tuoi particolari.

Contrariamente alle attese, che parlavano di un secondo capitolo della raccolta Parole, Rumori e Anni, Fabrizio Moro torna con un disco di inediti che darà un seguito a Pace, ultima sua prova di studio prima della collection che contiene anche Portami via.

I primi accenni delle sue intenzioni per il nuovo album sono già apparse chiare con il singolo, Ho bisogno di credere, con il quale ha voluto anticipare il suo ritorno in musica. Sono decise anche le date del tour con le quali l’artista supporterà il nuovo album, con alcune tappe nei palasport che si terranno nelle prime settimane d’autunno.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.